• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Rizzoli: "Voglio arbitrare oltre i 45 anni. Quella volta con Totti..."

Serie A, Rizzoli: "Voglio arbitrare oltre i 45 anni. Quella volta con Totti..."

Il 'fischietto' italiano si racconta nel corso di una lunga intervista


Nicola Rizzoli ©Getty Images

30/12/2014 09:35

SERIE A RIZZOLI INTERVISTA GAZZETTA DELLO SPORT / MILANO - L'arbitro italiano Nicola Rizzoli è il protagonista di una lunga intervista presente sull'edizione odierna de 'La Gazzetta dello Sport', di cui vi riportiamo alcuni estratti.

FUTURO - "Fisicamente sto bene. Anzi ho pure perso otto etti. E la voglia è ancora tanta. Arbitrare oltre i 45 anni? La Fifa intende alzare il limite di età e io ho ancora tanti stimoli. Futuro alla Collina? Non saprei, per ora amo ancora il campo. Mi piacerebbe insegnare ai giovani e ai bambini".

PREPARAZIONE - "Vedo tante partite e ho un archivio personale in cui catalogo gli episodi più significativi. Analizzo le tattiche delle squadre, i calci piazzati: blocchi compresi. È un bagaglio indispensabile".

PSICOLOGIA - "In questi anni ho capito quanto sono importanti i miei atteggiamenti in relazione agli altri e quanto conta imparare a conoscere la personalità dei calciatori. A volte li puoi capire da uno sguardo o anche da un gesto. Una questione è il ruolo dell’arbitro, un’altra è il dialogo in campo. Per carattere io sono aperto al confronto, l’obiettivo è quello di aiutarsi a sbagliare il meno possibile. Dobbiamo impegnarci tutti per colmare un gap che è culturale".

ERRORI - "Il pericolo è proprio quando un arbitro crede di essere infallibile. In quel caso non riesce a gestire l’errore. Io ho sbagliato tante volte e la mia forza è sempre stata quella di far tesoro degli errori. Il più istruttivo? Sette anni fa a Udine con Totti sanno tutti come andò. Poi abbiamo chiarito e siamo cresciuti entrambi".

GIUDICE DI PORTA - "Aumenta la qualità dell’arbitraggio. Dividersi le zone del campo e le coppie di giocatori aumenta il controllo. La gol-line può aiutare ma non deve essere considerata un’alternativa".

S.D.




Commenta con Facebook