• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Braida: "Meritavo rispetto. Futuro al Corinthians? Può darsi"

Milan, Braida: "Meritavo rispetto. Futuro al Corinthians? Può darsi"

L'ex dirigente: "Higuain poteva essere rossonero, poi arrivò il Real"


Ariedo Braida © Getty Images

29/12/2014 10:35

MILAN INTERVISTA ARIEDO BRAIDA CORRIERE DELLA SERA / MILANO - L'ex dirigente del Milan Ariedo Braida ha rilasciato una lunga intervista al 'Corriere della Sera' di cui vi riportiamo alcuni estratti.

ADDIO MILAN - "Con il tempo le storie finiscono, ma i modi e il garbo nel comunicare le decisioni sono importanti. Bisogna avere il rispetto della storia: penso alle vecchie glorie del Real Madrid che ancora conservano uffici nella sede del club".

IL COLPO PIU' IMPORTANTE - "Van Basten, il giocatore più amato dai milanisti".

RETROSCENA RIJKAARD - "Io e Galliani eravamo allo stadio di Lisbona per le firme. I tifosi, contrari alla sua partenza, cercarono di entrare negli uffici. Misi il contratto nelle mutande per tenerlo al sicuro".

LA DELUSIONE PIU' GRANDE - "Ibrahim Ba: era il testimonial Nike per il Mondiale. Io e Capello eravamo convinti che potesse fare cose importanti".

KAKA' - "Era semisconosciuto, lo abbiamo comprato per 7 milioni quando il Chelsea stava per soffiarcelo".

L'ACQUISTO SFUMATO - "Higuain: volai in Argentina dove incontrai procuratore e padre del ragazzo. Alla fine lo comprò il Real con un'offerta stratosferica".

FUTURO - "Corinthians? Può darsi, di certo non ho finito qui".

S.D.




Commenta con Facebook