• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Rampulla: "Conte strigliava troppo. Non siamo pronti per la moviola"

Juventus, Rampulla: "Conte strigliava troppo. Non siamo pronti per la moviola"

Parla così l'ex portiere bianconero dopo la Supercoppa di ieri


Massimiliano Allegri (Getty Images)

23/12/2014 13:22

JUVENTUS RAMPULLA SUPERCOPPA / TORINO - L'ex portiere della Juventus, Michelangelo Rampulla, ha parlato così ai microfoni dell''Università del Calcio' sulle frequenze di 'Radio Popolare Roma 103.3': "Differenze tra Allegri e Conte? In campo ci vanno i giocatori, forse non c’è bisogno di un allenatore che strilla sempre. Io ho avuto grandi allenatori. Lippi ad esempio diceva poche cose perché quello che doveva fare in campo la squadra già lo sapeva".

SUPERCOPPA - "La Juve ha fatto una buona partita. Merito agli azzurri anche se i bianconeri hanno avuto l'occasione per portarla a casa. Il Napoli però ha colpito al momento giusto. I rigori di Rafael? Muoversi così è un modo per far distrarre chi tira ma quando si è fermato ne ha parati due. Non c’è una regola precisa. Quando ha preferito concentrarsi sul tuffo abbiamo visto il risultato. Anche Buffon ieri ha fatto belle parate. Gli strascichi negativi ci sono comunque. Adesso devono i bianconeri dimenticare il prima possibile la delusione e farne tesoro capendo che non bisogna mai dare nulla di scontato.

MOVIOLA NO - "Io sono sempre stato contrario alla moviola, penso che ancora non abbiamo la mentalità giusta per fermare il gioco. Si da troppa importanza agli errori dell’arbitro, che ci sono e ci saranno sempre. Gli arbitri sbagliano perché hanno paura di fischiare o non fischiare. Alcuni errori sono clamorosi e inconcepibili, questo è innegabile. Meglio però accettare l’errore umano invece che ricorrere alla tecnologia".

J.T.




Commenta con Facebook