• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-NAPOLI

Gli azzurri più incisivi, fra i bianconeri spiccano le prestazioni dei singoli, ovviamente i top player


Higuain e Pogba (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

22/12/2014 21:29

Ecco i voti della partita fra Napoli e Juventus di Supercoppa Italiana. 


JUVENTUS

Buffon 7 - Gran parata su Higuaìn a metà primo tempo, nulla può sul gol del Pipita, che schiaccia da zero metri. La classe del campione si vede dopo 111 minuti, quando con un riflesso felino neutralizza una conclusione pericolosissima di Higuaìn, una parata sensazionale così come le tre sui rigori. Che però per sua sfortuna non bastano a vincere il trofeo.  

Lichtsteiner 6 - Il suo lo fa eccome, anche da terzino. Spinge come un matto sulla destra, infilando spesso Ghoulam alle spalle. Poi prende una botta e zoppica vistosamente, cosa che ne limita fortemente l'incidenza nel secondo tempo. Infatti molti dei pericoli per la Juve nascono da quella parte. (Dal 32' st Padoin 6,5 - Forze fresche alla causa in un momento di grande necessità, fa sentire la sua presenza e infatti la Juve col suo ingresso recupera terreno)

Bonucci 5,5 - Attento e difficilmente superabile, si lascia sfuggire Higuaìn che però lo "grazia" prendendo il palo con quello splendido pallonetto a Buffon. Rischia di fare la frittata al 112' con un retropassaggio sui piedi di Callejòn, ma Buffon per sua fortuna ci mette una pezza. Qualche pecca anche sulla seconda rete del Pipita. 

Chiellini 5 - Spesso in difficoltà nella marcatura su Higuaìn, se lo perde anche in occasione del pareggio del Napoli. Duello rusticano, serata complicata per il centrale dell'Italia, che sbaglia anche il rigore, forse il peggiore dei sedici tirati. 

Evra 6 - Nel primo tempo si fa vedere benissimo in avanti, tenendo schiacciato Maggio che può costruire solo dalla metà campo in giù. Poi la situazione si ribalta, complice anche il calo fisico del francese. 

Vidal 5,5  - In costruzione è sempre quello che è, ma l'approccio è spesso superficiale: da un suo passaggio sballato nasce il contropiede del potenziale pareggio azzurro, fermato poi dal fuorigioco. 

Pirlo 5,5 - Il pubblico lo adora, del resto è un personaggio storico e non potrebbe essere altrimenti. Ma è un po' in ritardo di condizione, non ha la solita lucidità e anzi sbaglia anche alcuni appoggi importanti. Inevitabile il cambio dopo un'ora. (Dal 20' st Pereyra 5,5 - Appena entrato in campo si ritrova coinvolto nella scorribanda di De Guzman che vale l'1-1. Chiude malissimo e lascia spazio all'olandese, dopo qualche minuto il cartellino giallo. Approccio shock alla partita, cresce costantemente col passare dei minuti. Pessimo il rigore). 

Pogba 7 - Calciatore di gran classe e dallo straordinario peso agonistico, con quelle lunghe leve è come se creasse sempre superiorità numerica in mezzo al campo. Ogni volta che prende palla per il Napoli è un pericolo costante, l'esempio è tutto nell'azione strepitosa del 2-1, dopo 106 minuti di gioco. Quando si dice fare la differenza.  

Marchisio 6 - Gioca un pizzico più avanzato rispetto ai compagni ma raramente riesce ad incidere sulla gara. Dopo l'uscita di Pirlo arretra il suo raggio d'azione e gestisce di più il pallone. 

Tevez 7,5 - Dopo tre minuti c'è subito il primo regalo di Natale, firmato David Lopez, poi i difensori fanno il resto. Lui ringrazia e trasforma fra le gambe del portiere, poi continua a rendersi pericoloso ad ogni conclusione, chiamando Rafael all'intervento miracoloso. Secondo pallone un pizzico più giocabile al minuto 106: l'Apache si gira in un fazzoletto di terra, stupisce Joulibaly con una finta e beffa Rafael sul palo più lontano. Che giocatore, il rigore sbagliato è davvero un dettaglio. 

Llorente 6 - Il suo peso davanti si fa sentire con le molte palle smistate verso Tevez e il modo inconfondibile di prendere sempre in consegna i difensori avversari, aprendo spazi per i compagni. Prende una botta nel finale dei tempi regolamentari e Allegri preferisce toglierlo dal campo. (Dal 1' sts Morata sv)

All. Allegri 5,5 - La Juve stasera molla un bel po' ad un Napoli in palla, ma riesce a restare in partita fino alla fine grazie alle prodezze dei suoi campioni. I rigori alla fine premiano il Napoli: forse "ai punti" è giusto così. 

 

NAPOLI

Rafael 7 - Il primo gol è brutto, fra le gambe, ma poi si riprende alla grande deviando diverse conclusioni pericolosissime dei bianconeri verso la porta. Si fa sentire anche con la voce, una volta tanto, e mette la sua firma in calce sulla Coppa ipnotizzando ben 4 avversari. Il riscatto di un calciatore troppo bistrattato quest'anno. 

Maggio 6,5 - Con Evra al top della prestazione resta più schiacciato ma comunque serve buoni palloni agli uomini lì davanti. Nei secondi 45' spinge di più, sovrapponendosi anche a Callejòn. 

Albiol 5 - Il primo tempo è un disastro, partendo da quell'azione tragicomica che vale il gol di Tevez per continuare poi con interventi in continuo affanno. Che sia in un periodo tragico di forma è cosa nota, carbura con imperdonabile ritardo e non basta il buon secondo tempo. 

Koulibaly 5 - La definizione (frettolosa) di nuovo Thuram deve averlo confuso: il regalo che fa a Tevez franando su Albiol è da calciatore della Juve, più che del Napoli. Chiusure spesso velleitarie, un po' meglio nella ripresa quando insieme a tutta la difesa prende le misure a Tevez e ai suoi. Occhio, che da nuovo Thuram a nuovo Lassissi il passo può essere veramente breve. 

Ghoulam 6,5 - Appoggio costante alle scorribande di De Guzman, col rischio di ritrovarsi spesso e volentieri Lichtsteiner che affonda alle sue spalle. Poi lo svizzero cala e lui ha modo di far valere tutta la sua spinta e quel sinistro tagliente che mette spesso in difficoltà la difesa avversaria. 

David Lopez 6,5 - Il disimpegno sciagurato che porta al gol di Tevez non è proprio il migliore degli inizi, poi però si riprende alla grande e fa davvero la differenza in mezzo al campo, dove fa valere i muscoli nonostante il grande affollamento di maglie bianconere. (Dal 1' pts Inler 6 - Mezz'ora con un Napoli sulle ginocchia, che prende l'infilata di Pogba e rischia di perdere la partita. Si riscatta col rigore trasformato).

Gargano 7 - L'uruguagio corre tantissimo e mette una pezza in diverse situazioni intricate. Si vede pochissimo ma si sente da morire. Ci mette gli attributi, come non perde occasione di far notare dopo il rigore trasformato. 

Callejòn 5,5 - Il momento è particolare e lo si vede da quel gol sbagliato davanti a Buffon, incrociando la conclusione da destra a sinistra come sa fare solo lui. Lezioso, rischia tantissimo con un colpo di tacco al limite della propria area che stava per mandare in porta gli avversari. 

Hamsik 6,5 - L'uomo più atteso fra gli undici azzurri non tradisce e quando il Napoli va sotto prende per mano la squadra, cercando con insistenza il gol. Sfortunato, al primo tentativo è il palo a dirgli di no, in seguito ci va molto vicino. Gran palla ad Higuaìn nella ripresa, con il Pipita che lascia andare il lob ma prende in pieno il palo. (Dal 32' st' Mertens 5 - In passato il suo ingresso in campo serviva a sparigliare le carte e a cambiare l'inerzia della gara. Succede anche stasera, ma al contrario. Appannato e senza idee, fa rimpiangere un Hamsik che pure era in calo).

De Guzman 7 - Il suo contributo alla causa è determinante anche prima di quell'azione sensazionale sulla sinistra, coronata dal cross perfetto sulla testa di Higuaìn. Preziosissimo anche nel dare una mano al centrocampo, la scelta di Benìtez che lo preferisce a Mertens si rivela vincente. (Dal 1' sts Jorginho sv)

Higuaìn 8 - Scalda gli scarpini nel primo tempo, ma Buffon gli dice no. Nella ripresa sale in cattedra, riceve una gran palla da Hamsik e solo il palo dice no a quello splendido pallonetto a Buffon. L'occasione propizia arriva dopo qualche decina di minuti: De Guzman gli recapita sulla testa un pallone che si deve solo mettere dentro. Si ripete a due minuti dal 120', mandando in visibilio sei milioni di persone che pendono dalle labbra sue e di quel piedino magico e intermittente. Per fortuna del Napoli stasera la luce era accesa, eccome se era accesa. 

All. Benìtez 7 - L'errore in difesa non può mancare mai, e stasera non solo è tragicomico ma anche pesante sul risultato. Per il resto però il Napoli regala una gran partita, tenendo in mano il pallino del gioco per gran parte del match. Lo dimostrano anche i due pali e le tante occasioni da rete create. I rigori alla fine premiano la sofferenza di una partita che andava vinta, e così è stato. Per una sosta finalmente serena, al di là di tante sterili polemiche. Buon Natale, Napoli. 


Arbitro Valeri 6 - Grossi episodi da moviola non ce ne sono, se si eccettua un fuorigioco dubbio su azione interessante del Napoli ed un presunto mani di Chiellini in area, che però non c'è. 

 

TABELLINO

JUVENTUS-NAPOLI 2-2 (7-8 DCR)

JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Lichtsteiner (dal minuto 79 Padoin), Bonucci, Chiellini, Evra; Pogba, Pirlo (dal minuto 66 Pereyra), Marchisio; Vidal; Tevez; Llorente (dal minuto 106 Morata). A disposizione: Storari, Rubinho, Ogbonna, Caceres, Pepe, Mattiello, Vitale, Romagna, Coman, Giovinco. All.: Allegri

NAPOLI(4-2-3-1): Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Lopez (dal minuto 91 Inler), Gargano; Callejon, Hamsik (dal minuto 79 Mertens), De Guzman (dal minuto 106 Jorginho); Higuain. A dispozione: Colombo, Andujar, Mesto, Britos, Luperto, Herinque, Radosevic, Zapata. All.: Benitez

Arbitro: Valeri di Roma

Marcatori: 5’ Tevez, 68’ Higuain, 107’ Tevez, 118’ Higuain

Ammoniti: Higuain, Pereyra, Callejòn, Albiol, Mertens, Ghoulam, Tevez

Sequenza rigori: Jorginho parato, Tevez palo, Ghoulam gol, Vidal gol, Albiol gol, Pogba gol, Inler gol, Marchisio gol, Higuain gol, Morata gol, Gargano gol, Bonucci gol, Mertens parato, Chiellini parato, Callejon parato, Pereyra fuori, Koulibaly gol, Padoin parato

 

 




Commenta con Facebook