• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Football Killed Tancredi > ROMA-MILAN: LE PAGELLE DI TANCREDI PALMERI

ROMA-MILAN: LE PAGELLE DI TANCREDI PALMERI

I giudizi espressi dal protagonista della nostra rubrica 'Football Killed Tancredi'


Roma-Milan (Getty Images)
dall'inviato Tancredi Palmeri

20/12/2014 23:45

ROMA MILAN PAGELLE TANCREDI PALMERI / ROMA - Tra le polemiche finisce a reti inviolate il grande anticipo tra Roma e Milan. Ecco voti e giudizi del nostro inviato Tancredi Palmeri

ROMA

De Sanctis 5.5: insicuro in certe uscite, lo grazia il Milan.

Maicon 5.5: molto meno efficace del solito, e rischia con l'intervento del giallo.

(dall'81') Torosidis sv

Manolas 6.5: bravo a tenere lontano i pericoli, di classe o di fisico.

Yanga-Mbiwa 6: anche lui sicuro nel fare da paggetto al leader della difesa.

Cholevas 6: non aiuta molto in fase di spinta, ma almeno dà affidabilità.

Keita 6.5: solita diga intelligente, pronto nel supportare gli affondi.

Nainggolan 6.5: l'arbitro continua crescere rigoglioso, è il punto di riferimento di ogni meccanismo. E se fate mente locale a chi sono i compagni, non è certo facile esserlo...

De Rossi 6: meglio delle ultime uscite (non ci voleva molto) ma ancora lontana la brillantezza.

(dal 74') Destro sv

Florenzi 7: è lui che farebbe vincere il primo tempo ai punti alla Roma, Rizzoli permettendo. Strappi inarrestabili, pressing continuo, cambia marcia e gli altri rimangono dietro, a volte anche i compagni.

(dal 66') Ljajic 5: se un allenatore ti mette negli ultimi 25 minuti per cambiare la partita, si aspetta almeno una cosa tra lucidità, brillantezza o efficienza. Dà l'opposto.

Totti 5: si spegne troppo presto. È vero che ha alcuni tocchi illuminanti, ma non è quello che serve. Sicuramente non lo aiuta la pressione costante attorno a lui, ma è per questo che andrebbe cambiato.

Gervinho 6: troppo solista in certo frangenti, però ha almeno il merito di provarci fino alla fine.

Allenatore. Garcia 6: gli si può rimproverare la gestione dei cambi e una ripresa piuttosto inizialmente molle, ma l'approccio e il gioco è quello giusto, e stavolta non è fortunato, né con conclusioni né con arbitro.


MILAN

Diego Lopez 8: il migliore in campo senza alcun dubbio. Tra i pali, nelle uscite alte, in quelle basse. Alza sensibilmente le possibilità del Milan, se rimane a questo livello.

Bonera 5.5: sta come d'autunno sugli alberi le foglie.

Mexes 6: poteva andargli molto peggio invece regge il colpo, viene ben supportato dal chi gli gioca intorno.

Zapata 6: anche lui non corre particolari rischi, ma il pacchetto di mezzo funziona più per quantità che per qualità.

Armero 5: mette la sua squadra in una posizione difficile, e per un fallo sicuramente non necessario.

Poli 5.5: schiaccia troppo la linea del pressing, per quanto sia tutto in campo.

(dall'81') Muntari sv

Montolivo 6: non era la sua partita, però è encomiabile nel sacrificio da vero leader.

de Jong 5: deve ringraziare la sbadataggine della terna arbitrale, altrimenti concederebbe un rigore e un'espulsione.

Honda 5.5: anche per lui è una serata per sbuffare in ripiegamento, ma come vi si dedichi indica perché Inzaghi su affida a lui.

(dal 73') Alex sv

Menez 5: è a lui che il Milan si affida per ribaltare la situazione, ma stasera non ha pagato la bolletta.

(dall'89) El Shaarawy sv

Bonaventura 6: i pochi pericoli in avanti il Milan li crea con lui, ma è soprattutto la corsa che tenta di raccordare i reparti.

Allenatore. Inzaghi 6: fa la partita che può, con ingorgo al centro e tentativi di giocare la palla in uscita in velocità. Più di questo non gli si può chiedere al momento.


Arbitro.  Rizzoli 4: non è un buon momento per lui. Altro disastro dopo quello di Fiorentina-Juventus, ma stavolta gli va anche peggio perché non può aggrapparsi allo scudo della compensazione. Manca il rigore di De Jong, che andrebbe poi fuori per doppia ammonizione, manca anche altri gialli, e dà il secondo (giusto) ad Armero solo dopo molte incertezze.




Commenta con Facebook