• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI QARABAG-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI QARABAG-INTER

Male l’arbitro Zelinka. Bella prova di Andreolli e buon esordio per Bonazzoli e Donkor. Da Osvaldo ci si aspettava qualcosa in più


Davide Ritacco

11/12/2014 20:02

ECCO LE PAGELLE DI QARABAG-INTER:

 

QARABAG

Sehic 6,5 – Il portiere bosniaco non è quasi mai chiamato in causa dall’attacco nerazzurro. Ma su Bonazzoli si supera. Sicuro fra i pali da rivedere con i piedi.

Medvedev 6 – Dalla sua parte si alternano D’Ambrosio e Obi e lui in qualche modo se la cava. Prova anche a salire con maggiore frequenza per sorprendere la retroguardia dell’Inter ma con scarso successo.

Guseynov 6 – Partita solida e senza strappi. Non ruba l’occhio con interventi prodigiosi ma tiene a bada il duo d’attacco interista.  

Sadygov 6 – Come il collega di reparto sfrutta la scarsa vena realizzativa dei bomber di Mancini e alla fine fa un figurone.  

Agolli 6,5 – Buon propulsore sinistro per gli Azeri. Gioca anche una discreta partita confermando la buona impressione che aveva già lasciato contro l’Italia nella sfida di Genova con la sua Albania.

Qarayev 6 – Ha provato a proporsi con i tempi giusti dalla sua parte e in qualche occasione ha creato i giusti presupposti senza però far male.  

Almeida 6 – Il gol annullatogli all’ultimo secondo grida ancora vendetta. Per il resto il brasiliano in mezzo al campo dà lustro della sua classe con buone geometrie e qualche bella giocata.

Muarem 6 – Numeri interessanti in possesso del numero 10 azero. Peccato li sfrutti sempre troppo poco. Non si capisce se per colpa degli uomini di Mancini o per i propri limiti. Da rivedere.

George 5 – Era l’uomo più atteso. Tutto il Qarabag si affidava a lui per il passaggio del turno e per 60 minuti delude le attese sia da esterno puro che da attaccante nella ripresa.  

Alaskarov 6,5 – Era stato tra i migliori dei suoi o quantomeno il più pericoloso eppure l’allenatore Gurbanov nel tentativo di vincere lo toglie dal campo per l’omonimo Gurbanov con doti più offensive. Dal 60’ Gurbanov 6 - Il suo ingresso in campo non incide sul match.

Nadirov 5,5 – Il ritmo del primo tempo è basso e non ci sono grandi occasioni ma la sua manovra è a tratti efficace. Deve abbandonare il campo per infortunio sul finire del primo tempo. Dal 43’ Yusifov 5,5 – Praticamente impalpabile. Andreolli con lui ha vita facile e non si rende mai pericoloso.

All. Gurbanov 6 – Doveva vincere per ottenere la storica qualificazione ma la sua squadra gioca contratta con la paura di vincere. Prova a modificare qualcosa ma il gol annullato alla fine spegne ogni sogno di gloria.

 

INTER

Carrizo 6,5 – Sul tramonto del primo tempo compie un quasi miracolo e salva il risultato. Nella ripresa,

Campagnaro 6 – Da terzino non gli si può certo chiedere di spingere come un vero laterale, eppure non si da per vinto e fa la sua parte. Chiude spesso i varchi aiutando i centrali.  

Andreolli 6,5 – Fa una bella figura al cospetto di giocatori non certo di primo piano. Sempre preciso e puntuale in ogni occasione.

Donkor 6 – Le occasioni gol da parte del Qarabag arrivano tutte dalla sua parte con qualche errore di valutazione di troppo. Ma col passare acquista fiducia e gioca con buona personalità.   

D’Ambrosio 6 – Prova a spingere come i vecchi tempi ma un po’ le condizioni del terreno, un po’ la gara non bellissima, non riesce a sprigionare tutte le sue qualità, lui che è un bomber dell’Europa League. Dal 89’ Dimarco s.v.   

Mbaye 6 –  Tocca tanti palloni e gioca un match diligente. Rompe il gioco e si proietta in avanti con la giusta propensione. E’ tra i più pericolosi sfruttando il gioco aereo.  

M’Vila 6 – Gestisce con facilità il centrocampo nerazzurro. Si abbassa tanto e scandisce i tempi di gioco. Col passare dei minuti si eclissa un po’ ed esce fuori dai radar del gioco.

Krhin 6 – Bene soprattutto in appoggio alla difesa e con grande tranquillità gestisce tutta la partita.

Obi 6 – Sulla sua corsia il padrone è D’Ambrosio lui si limita al compitino senza strafare. Dal 90’ Baldini s.v.

Osvaldo 5,5 – In una serata gelida l’italo-argentino prova a pungere ma senza impensierire quasi i difensori avversari. Meno presente di altre volte, si vede che ha ancora bisogno di minuti nelle gambe.   

Bonazzoli 6 – L’occasione migliore parte dai suoi piedi con un bel destro sul quale il portiere avversario si supera negandogli l’immensa soddisfazione di un gol europeo ma crediamo che l’esordio dal primo minuto possa già bastare.

All.: Mancini 6 – La sua Inter dei giovani porta a casa un buon pareggio condito da buone risposte da gente come M’Vila e Andreolli e facendo esordire giovani interessanti.
 

Arbitro: Zelinka 4,5 – Come rovinare una partita che era stata tranquilla per 90’. Il gol annullato al Qarabag è davvero incomprensibile.


 

 

TABELLINO

QARABAG–INTER  0-0

Qarabag (4-2-3-1): Sehic; Medvedev, Guseynov, Sadygov, Agolli; Qarayev, Almeida; Muarem, George, Alaskarov (Dal 60’ Gurbanov); Nadirov (Dal 43’ Yusifov). A disposizione: Veliyev, Guliyev, Teli, Taghiyev, Ahmadov. Allenatore: G. Gurbanov.

Inter (4-4-2): Carrizo; Campagnaro, Andreolli, Donkor, D’Ambrosio (Dal 85’ Dimarco); Mbaye, M'Vila, Krhin, Obi (Dal 90’ Baldini); Bonazzoli, Osvaldo. A disposizione: Costa, Berni, Sciacca, Baldini, Palazzi.  Allenatore: Mancini.

Arbitro: Miroslav Zelinka (Rep.Ceca)

Ammoniti: 18’ Alaskarov (Q)




Commenta con Facebook