• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Baldissoni: "Deferimento Garcia pittoresco. Non si monti un caso su De Rossi"

Roma, Baldissoni: "Deferimento Garcia pittoresco. Non si monti un caso su De Rossi"

Il direttore generale giallorosso parla della decisione della Procura Federale


Pallotta e Baldissoni ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

05/12/2014 19:20

ROMA BALDISSONI / ROMA - Mauro Baldissoni, direttore generale della Roma, ha parlato ai microfoni di 'Roma Radio' alla vigilia della sfida di campionato contro il Sassuolo di alcune news Roma uscite in giornata. 

DEFERIMENTO - Baldissoni è partito dal deferimento di Rudi Garcia: "Ci hanno voluto pensare bene, forse potevano pensarci ancora meglio. Il fatto risale alla prima partita della scorsa stagione, quando Garcia ha comunicato con un walkie talkie e l'evento è stato segnalato alla Procura Federale. Ci fu un audizione dove l'allenatore spiegò che era un normale modalità di lavoro, tollerata in Francia e la Roma chiese tramite lettera spiegazioni a Aia, Figc, Lega e Procuratore Federale: ad oggi non ci ha risposto nessuno. Nel frattempo, il giudice sportivo lo scorso anno ci ha comminato varie sanzioni per un totale superiore a 100mila euro, ridotto poi a metà al termine della stagione. Quest'anno, ugualmente, abbiamo avuto altre sanzioni, ma non per tutte le partite. Ad oggi abbiamo una norma applicata e sanzionata in maniera saltuaria: per questo avevamo chiesto spiegazioni sulla norma. In Champions League non abbiamo ricevuto mai nessuna sanzione. Ora ci è arrivato questo deferimento: lo troviamo pittoresco, andremo al tribunale Federale e vediamo cosa succederà".

DE ROSSI - Il dirigente giallorosso parla poi delle notizie su Daniele De Rossi relative alla telefonata con Di Carlo, personaggio coinvolto nell'inchiesta della Procura di Roma sulla cosiddetta 'Mafia Capitale': "Mi auguro che non si strumentalizzi questa telefonata in relazione all'indagine. Non ci sono profili penali, ma questo contatto è utilizzato nell'ordinanza per delineare la personalità di De Carlo. Ne abbiamo parlato con Daniele che ha spiegato meglio l'episodio che ha coinvolto Benatia e altri calciatori. Un tifoso era diventato un po' molesto e aveva atteso Benatia con fare minaccioso. La telefonata è dovuta al fatto che De Carlo era presente al locale ed era già intervenuto per allontanare questo tifoso, che probabilmente conosceva. Lo spiegherà lo stesso De Rossi, forse già domani. Spero non si monti un caso". 




Commenta con Facebook