• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Thohir: "Cambio in panchina deciso anche con Moratti. No comment su van Persie"

Inter, Thohir: "Cambio in panchina deciso anche con Moratti. No comment su van Persie"

Il presidente nerazzurro 'dribbla' i rumors sull'attaccante olandese


Erick Thohir © Getty Images
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

05/12/2014 11:55

CALCIOMERCATO INTER THOHIR VAN PERSIE MANCINI / JAKARTA (Indonesia) - Il cambio di guardia in panchina rende fiducioso Erick Thohir. Il presidente dell'Inter, dopo il benservito a Mazzarri, nutre tante speranze in Roberto Mancini per il rilancio della squadra nerazzurra: "Col suo arrivo abbiamo maggiori possibilità di centrare i nostri obiettivi. Mancini ha un grande curriculum ed è molto esperto anche a livello internazionale - ha spiegato Thohir come riporta 'Liputan6' - Non sono il tipo che cambia facilmente allenatore, ma è stato giusto cambiare per il bene della squadra. Il passaggio da Mazzarri a Mancini è stato deciso assieme al management, compreso Moratti".

VAN PERSIE - Gli ultimi rumors del calciomercato Inter hanno accostato Robin van Persie alla formazione nerazzurra. Thohir preferisce però dribblare le voci che accostano l'asso olandese del Manchester United alla 'Beneamata': "Non commento questa notizia", ha detto telegraficamente il tycoon indonesiano.

STADIO - Non solo comunque il cambio in panchina e l'argomento calciomercato. In precedenza, in un'intervista rilasciata a 'Espn Desportes', Thohir era ritornato a parlare anche della questione stadio: "Noi e il Milan dobbiamo prendere una decisione; rinnovare il 'Meazza', un impianto storico e situato al centro della città, oppure costruirne uno nuovo. Se il club rossonero decidesse di realizzare un nuovo stadio, noi ovviamente resteremo a 'San Siro' - sottolinea il patron interista - Ora l'importante è che la gente torni allo stadio, spesso semivuoti in Italia. All'estero i tifosi possono trovare tante comodità che da noi non ci sono: penso al wifi, quindi a una maggiore digitalizzazione, o ad aree di sicurezza e settori dedicati esclusivamente alle famiglie. In Italia serve un cambiamento di mentalità e visione".




Commenta con Facebook