• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Calciomercato Inter, rabbia Icardi: prime crepe con Mancini

Calciomercato Inter, rabbia Icardi: prime crepe con Mancini

L'argentino è entrato solo al minuto 82 al posto di Dodò sul 3-2 per i giallorossi


Mauro Icardi (Getty Images)
Marco Di Federico

01/12/2014 08:53

CALCIOMERCATO INTER ICARDI MANCINI ATLETICO MADRID / MILANO - Non è ancora l'Inter che Roberto Mancini vorrebbe ma, dopo la trasferta di Roma, con la sconfitta 4-2 dei nerazzurri contro la compagine di Garcia, qualche segnale positivo per il 'Mancio' arriva. Soprattutto a livello caratteriale, con l'Inter che è stata in grado di rimontare due volte gli avversari e restare in partita fino al gol di Pjanic nel finale. Le note dolenti arrivano però da Mauro Icadi, uno dei nomi più caldi del calciomercato Inter in uscita già dalla scorsa estate.

L'attaccante argentino non ha gradito la scelta del suo allenatore di farlo accomodare in panchina per dare spazio all'ex Osvaldo, beccato senza pietà dal suo ex pubblico ma comunque autore del momentaneo 2-2. Da quando è arrivato all'Inter, infortuni permettendo, Icardi è sempre stato uno degli insostituibili in attacco ma l'avvento di Mancini sta cambiando le cose, perché l'ex tecnico del Galatasaray vede molto bene Osvaldo e lo considera, anche per caratteristiche tattiche, importante nel suo gioco. Icardi lo ha capito e sta mostrando qualche segnale di insofferenza: come riporta oggi 'La Gazzetta dello Sport', ieri durante il riscaldamento a bordo campo ha avuto un gesto di stizza dopo essere stato richiamato dalla panchina per entrare, solo al minuto 82, al posto di Dodò sul 3-2 per i giallorossi.

Entrare nel finale non piace a nessuno, soprattutto in un big-match come quello di ieri sera allo stadio 'Olimpico'. Il nervosismo di Maurito era evidente, tanto che al triplice fischio ha preso la via degli spogliatoi senza salutare alcun avversario. Una situazione che Mancini con la sua esperienza sa bene come gestire ma che arriva in un momento delicato, a poche settimane dall'apertura del mercato di gennaio e con l'argentino che sta discutendo il prolungamento del contratto: secondo le ultime indiscrezioni raccolte da Calciomercato.it, un rinnovo non semplice soprattutto per la questione dei diritti d'immagine. Su Icardi è fortissimo il pressing di Tottenham, Chelsea e Atletico Madrid.




Commenta con Facebook