• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Viaggi > Viaggi, gli italiani non rinunciano alla vacanza natalizia: ecco le tendenze del 2014

Viaggi, gli italiani non rinunciano alla vacanza natalizia: ecco le tendenze del 2014

Intanto Amazon lavora per lanciare già dal prossimo gennaio la sezione ‘Travel’


Viaggi (Getty Images)

30/11/2014 20:19

VIAGGI CRISI NATALE AMAZON CLICK / ROMA – Nonostante la crisi economica, gli italiani non rinunciano ai viaggi, in particolare a quelli del periodo natalizio. Secondo le stime dell'Osservatorio Veratour sui viaggi dei connazionali, per le vacanze di fine anno, si registra un aumento delle prenotazioni del 32%, dato che si inserisce in un trend positivo di prenotazioni per l'arco novembre 2014-aprile 2015 che vede un incremento del 23,5% rispetto all'anno precedente.

I DATI E LE DESTINAZIONI – La maggior parte dei vacanzieri ha prenotato un’uscita di una settimana, dato che riconferma la tendenza ad usufruire di periodi brevi ma più frequenti nell'arco dell'anno. Per quanto riguarda i costi, invece, sono sostanzialmente rimasti invariati rispetto all'anno scorso. Ma dove andranno gli italiani? Le stime dell'Osservatorio indicano che per i viaggi a medio raggio, le Canarie crescono, ma a trainare, con la progressione maggiore, è il Mar Rosso egiziano. Per le destinazioni lungo raggio, invece, l'Osservatorio Veratour rileva l'apprezzamento massimo verso i Caraibi: Rep. Dominicana (+ 32%), Cuba (+ 15%) e Messico. Quest’ultimo è trainato in particolare dalla richiesta di circuiti più soggiorno. Altro numero di rilievo è la richiesta di fruizione di servizi di lusso, in primis i voli in business class, che nel periodo delle festività è sempre maggiore all'offerta come ogni anno a Natale e le preferenze di coloro che scelgono viaggi più che vacanze, tour più che soggiorni stanziali.

LE DICHIARAZIONI - Stefano Pompili, direttore generale Veratour, ha voluto sottolineare: “I dati delle prenotazioni per il periodo delle festività natalizie e di fine anno riconfermano che la passione per la vacanza balneare in villaggi è sempre viva”. Secondo Massimo Broccoli, direttore commerciale Veratour, “le festività stanno facendo da spartiacque al ritorno deciso su questa destinazione da parte del pubblico italiano. Noi riscontriamo buoni risultati a Sharm El Sheikh quanto a Marsa Alam”.

VACANZA IN UN CLICK – Dal prossimo anno si potrà prenotare una vacanza con un click anche su Amazon. Il colosso dell’eCommerce, dopo i droni, le consegne in taxi, l’acquisto del Washington Post, i cellulari 3D e la sezione dedicata al cibo, non ha intenzione di smettere con le novità e si appresta a lanciare dal 2015 Amazon Travel. Secondo le indiscrezioni che rimbalzano in rete, l’azienda di Jeff Bezos avvierà il nuovo servizio dal prossimo primo gennaio: in un primo momento si potranno fare prenotazioni alberghiere in una serie di strutture indipendenti e selezionate vicino alle principali metropoli americane; da Seattle, sede del quartier generale di Amazon, a New York a Los Angeles. Le prenotazioni non dovrebbero riguardare i viaggi in aereo, almeno a stretto giro, opzione invece possibile su altri siti concorrenti come Booking.com, Expedia ma anche Google Flight. Oltre alle prenotazioni, ci dovrebbe essere la possibilità di consultare gallerie fotografiche ma anche schede informative e indicazioni turistiche sui luoghi da visitare nelle vicinanze delle strutture scelte. Per i pagamenti online, la piattaforma Amazon potrebbe dare la possibilità agli utenti di utilizzare l’account sulla piattaforma già esistente, senza necessità di aprirne uno nuovo e in caso di prenotazione, l’azienda terrebbe per sé una commissione del 15%. Secondo dati di Euromonitor, nel 2013 il settore ha fruttato prenotazioni online per 278 miliardi di dollari.  

S.C.




Commenta con Facebook