• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, Mexes: "Volevano farmi fuori, meritavo rispetto. Quel litigio con Inzaghi..."

Calciomercato Milan, Mexes: "Volevano farmi fuori, meritavo rispetto. Quel litigio con Inzaghi..."

Il difensore rossonero riconquista il posto e va all'attacco dopo essere finito fuori rosa


Philippe Mexes (Getty Images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

28/11/2014 07:50

CALCIOMERCATO MILAN MEXES / MILANO - Più che sassolini sembrano macigni quelli che Philippe Mexes si toglie dalle scarpe. Il centrale francese si è ripreso il Milan con due grandi prestazioni consecutive dopo essere finito ai margini del progetto di Filippo Inzaghi. Anzi fuori rosa, come spiega in una lunga intervista al 'Corriere dello Sport': "Certo che si può dire fuori rosa. Mi allenavo, ma sapevo di non giocare. Nel calcio ci sono momenti e momenti e devi solo aspettare il tuo. Con la Sampdoria mi sono fatto trovare pronto. E' vero che ho discusso con Pippo prima del Trofeo Tim, ma in quel momento non mi andava di dirgli che sono più bravo di quello o di quell'altro. Non sapevo come reagire - esordisce il difensore rossonero - Le sue scelte vanno rispettate. Sottolineava che ero sempre lì ad allenarmi e questi riconoscimenti mi davano forza. Ma poi era dura vedere gli altri salire sul pullman o guardarli giocare in tv. Sono rimasto per una questione soprattutto mentale: a 32 anni ho più voglia di certi giovani".

Mexes poi prosegue: "Non c'è stata una squadra che mi ha detto chiaramente 'ti vogliamo' ed il Milan non mi ha mai detto di andar via. Non pensavo al calciomercato e non volevo andar via, ma non per una questione di soldi. Ho sempre rispettato i miei contratti dando il massimo fino alla scadenza. E' vero che la dirigenza ha preso altri giocatori per spingermi ad andar via. Lo capisco, c'entra il mio contratto pesante. Non capisco invece che non ci sia rispetto per la persona e per quello che ho sempre fatto. Posso accettare di restare a casa perché ho sbagliato qualcosa o sono scarso, ma non per qualcosa che non dipende da me. Sono loro a sapere se sono in imbarazzo perché ho disputato due belle partite".

La chiosa è sul suo futuro, tema caldo del calciomercato Milan: "Farò di tutto per non tornare a non essere considerato, anche se mi aspetto comunque di tutto. Di certo giocherò ancora, ma in realtà mi auguro di restare al Milan il più al lungo possibile. Anche di finire la mia carriera in rossonero, ne sarei onorato". Le trattative per il rinnovo però, come vi abbiamo raccontato in esclusiva, non sono ancora state avviate.

Entra a far parte della nostra cerchia, clicca G+




Commenta con Facebook