• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI CESENA-SAMPDORIA

PAGELLE E TABELLINO DI CESENA-SAMPDORIA

Lucchini e Leali decisivi, Giorgi spento. In ombra Gabbiadini, Okaka è un leone


Nicola Leali (Getty Images)
Valerio Sesti

23/11/2014 16:56

Ecco le pagelle di CESENA-SAMPDORIA

 

CESENA

Leali 7,5 – Prima frazione da spettatore per il giovane e promettente portiere. Nel secondo tempo dopo cinque minuti è miracoloso sul colpo di tacco di Okaka. Sicuro in un altro paio di interventi. Grande parata, di nuovo su Okaka, a dieci minuti dal termine. Si ripete a pochi minuti dalla fine sul tiro ravvicinato di Bergessio. Superlativo.

Perico 6 – Buona attenzione difensiva ed intraprendente in fase offensiva proponendosi spesso in avanti. Esce anche lui per infortunio. Gara positiva. Dal 74' Nica 5 – Entra a freddo ed è ingenuo e sfortunato con l'autorete.

Capelli 6 – Rischia molto con un paio di interventi, uno gli costa la giusta ammonizione. Alcune volte in difficoltà contro la velocità di Eder & co. Sostituito per un problema fisico. Dal 58' Volta 6 – Entra con il giusto piglio nel match. Concentrato e mai in difficoltà.

Lucchini 7 – A suo agio di testa contro un cliente scomodissimo come Okaka. Spesso con l'esperienza se la cava, rimediando a qualche sbavatura dei compagni. Decisivo sotto porta con un gol da vero attaccante d'area.

Mazzotta 6 – Come il collega terzino Perico non disdegna la spinta offensiva non trascurando però i compiti difensivi.

Carbonero 5,5 – Tanta determinazione, ma spesso anche molta confusione per il centrocampista dei padroni di casa. Non riesce ad incidere pienamente nel match.

Cascione 6 – Corre dal primo all'ultimo minuto come se avesse quattro polmoni, mordendo le caviglie agli avversari e non permettendo facilità di gioco a Palombo & Co. Non è lucido in fase di costruzione. Sfiora la rete del 2-1 colpendo l'incrocio dei pali con un bel calcio di punizione.

Giorgi 5,5 – Assente ingiustificato della partita, poco presente nella manovra ospite, sbaglia troppi appoggi, mostrandosi lento ed impacciato con il pallone fra i piedi.

Brienza 6 – Da lui partono tutte le giocate importanti del Cesena. Con il sinistro fa quello che vuole: appena si accende lui, la sua squadra cambia passo. Alcune volte, tuttavia, si assenta dal match. Dall'83' Djuric s.v.

Defrel 5,5 – Tanto movimento, ma poca sostanza per il giovane attaccante. Poca assistenza della squadra e quasi nullo in fase offensivo nella prima parte di gara. Nel secondo tempo il Cesena è più coraggioso e lui ne beneficia.

Almeida 5,5 – Ingabbiato tra Gastaldello e Silvestre non ha palloni realmente giocabili per incidere nella gara. Non è mai pericoloso sotto porta. Nell'ultima parte di match con grande abnegazione aiuta in difesa i suoi compagni.

All. Bisoli 6,5 – Buona organizzazione di gioco e grande determinazione fin dall'inizio per i suoi ragazzi. Il Cesena ha la stessa grinta del suo allenatore ed ottiene, soffrendo, un punto importante per la salvezza.

 

SAMPDORIA

 

Romero 6 – Ordinaria amministrazione nel primo tempo; nel secondo non è mai impegnato, a parte la rete di Lucchini dove è incolpevole.

De Silvestri 5,5 – La Samp attacca poco sull'out destro, il Cesena non spinge molto a sinistra. Così il terzino italiano a tratti è fuori dal match. Opaco.

Silvestre 6 – Chiude tutti gli spazi agli sterili attaccanti dei padroni di casa. Non è mai in difficoltà grazie all'ottimo posizionamento. Sicuro in fase di impostazione.

Gastaldello 6,5 – Giganteggia sui palloni alti, guidando la difesa da vero capitano. Lascia le briciole ad Almeida rimanendo concentrato per tutto il match. Dai suoi piedi riparte spesso l'azione da attacco, come vuole il suo allenatore.

Regini 6 – Attento in difesa, macina chilometri sulla fascia sinistra come uno stantuffo. Offre una prestazione sufficiente e senza sbavature.

Soriano 6 – Dopo l'esordio in Nazionale, sembra un po' sottotono, pochi gli inserimenti e non ficcanti come nelle ultime uscite. Cresce nel secondo tempo. Commette stupidamente il fallo su Brienza e dal calcio di punizione seguente arriva il gol del vantaggio di Lucchini. Premiato il suo impegno nella ripresa con il cross che propizia l'autorete di Nica. Sbiadito.

Palombo 6 – Gestisce il centrocampo con grande personalità, non riuscendo sempre a trovare il passaggio giusto per gli attaccanti. Ordinato.

Obiang 6 – Buona sostanza in mezzo al campo in fase di contenimento, un po' meno lucido quando c'è da costruire. Ottima grinta ed applicazione. Deve crescere in fase di costruzione.

Eder 6,5 – Tanta corsa e molto movimento per l'attaccante brasiliano. A metà del primo tempo ha un'ottima chance di testa che non riesce a sfruttare. Sfiora nuovamente il vantaggio allo scadere della prima frazione su calcio di punizione e ad inizio ripresa colpendo il palo esterno. Dall'80' Bergessio s.v. - Gioca pochissimo, ma ha un'ottima chance sotto porta neutralizzata da Leali. Troppo poco per essere giudicato.

Okaka 6,5 – Si batte come un leone tra i difensori di casa. Spesso dai palloni sporchi guadagna preziosi calci di punizione. Svaria su tutto il fronte d'attacco, aiutando per gran parte della partita i suoi compagni con preziosi ripiegamenti difensivi. Sfiora la rete con un gran colpo di tacco ad inizio ripresa.

Gabbiadini 5 – Nel primo tempo è completamente fuori dal match, poco coinvolto e cercato dai compagni. Lui si nasconde e non si fa mai trovare nella posizione corretta per ricevere il pallone. Si ricorda solo per un bel tiro da fuori area alla mezz'ora. Nella secondo frazione dopo pochi minuti un lampo con una grande giocata, ma troppo poco per un talento come lui. Fantasma. Dal 72' Sansone 6 – Ha pochi minuti a disposizione, ma sfiora comunque la rete con un gran tiro da fuori area colpendo il palo. Qualche discreto spunto, ma nulla più.

All. Mihajlovic 6 – I suoi ragazzi sono aggressivi fin dal primo minuti, ma non sono lucidi in fase offensiva. Il primo tempo la Samp non tira praticamente mai in porta, nella ripresa i suoi sono più aggressivi e vogliosi di ottenere i tre punti senza però essere lucidi negli ultimi venti metri.

Arbitro: Gervasoni 6,5 – Sempre vicino all'azione, dirige senza problemi una gara molto corretta. Sbaglia qualche decisione, ma senza influire sull'andamento della partita. A fine primo tempo lascia giustamente correre su un intervento in area di rigore su Defrel. Dubbi su un presunto fallo di mano nel recupero di Silvestre, ma non sembra assolutamente rigore nonostante le proteste vibranti dei padroni di casa. Distribuisce bene i cartellini gialli.

 

TABELLINO

CESENA-SAMPDORIA 1-1

Cesena (4-3-1-2): Leali; Perico (dal 74' Nica), Capelli (dal 58' Volta), Lucchini, Mazzotta; Carbonero, Cascione, Giorgi; Brienza (dall'83' Djuric); Defrel, Almeida. All.: Bisoli.

Sampdoria (4-3-3): Romero; De Silvestri, Silvestre, Gastaldello, Regini; Soriano, Palombo, Obiang; Eder (dall'80' Bergessio), Okaka, Gabbiadini (dal 72' Sansone). All.: Mihajlovic.

Arbitro: Gervasoni di Mantova.

Marcatori: 60' Lucchini (C), 77' aut. Nica (C ).

Ammoniti: 34' Brienza (C), 43' Capelli (C).

Espulsi:




Commenta con Facebook