• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-CAGLIARI

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-CAGLIARI

Ibarbo e Farias fanno saltare il banco, azzurri double-face nei due tempi di gioco


Victor Ibarbo (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

23/11/2014 17:16

Ecco le pagelle di NAPOLI-CAGLIARI

NAPOLI

Rafael 5 - Più vigile fra i pali, dove sventa un paio di pericoli, molto più incerto nelle uscite, come dimostra anche il secondo gol dei sardi, dove lui è piazzato in maniera quantomeno approssimativa. Appoggio disastroso a Koulibaly sul 3-3: mette il compagno in serissima difficoltà.

Maggio 5,5 - Farias nel Cagliari è sicuramente fra i più attivi, Maggio si impegna per tenerlo a bada e in qualche caso ci riesce, ma ha responsabilità precise sui due gol dell'avversario diretto. Gran bel cross sul gol di De Guzman, buona presenza in avanti. Ma non basta. 

Henrique 5 - Un paio di svarioni ad inizio gara rischiano di complicare le cose fin da subito, poi si ritrova coinvolto con tutta la difesa nelle tre topiche che regalano il pareggio al Cagliari. Da rivedere.

Koulibaly 5 - La presenza di Albiol gli dà più sicurezza, quando le danze deve condurle lui riesce di meno ad essere protagonista. Nell'uno contro uno come sempre è insuperabile, qualche problema in più nelle marcature più larghe. Condivide con Rafael la responsabilità del terzo pareggio cagliaritano.

Ghoulam 5 - Duello senza esclusione di colpi con Ibarbo, che è davvero difficile da tenere a bada. Infatti in un paio di occasioni gli sfugge e sono le occasioni più pericolose del Cagliari. Una presenza che gli toglie incisività anche in appoggio alla manovra offensiva.

Gargano 6 - Il cagnaccio uruguaiano è riuscito a trasformare i fischi di inizio stagione in applausi scroscianti ad ogni chiusura delle sue, ad ogni percussione tutta cuore e corsa. Nella ripresa però la situazione precipita e lui si ritrova a smaltire secchi d'acqua con un bicchiere di plastica. Travolto.

Inler 6,5 - I soliti appoggi sbagliati da pochi metri, in compenso un'intesa crescente col compagno di reparto Gargano e quel bolide angolato ed insidioso, che Cragno non vede neanche partire. (Dal 62' David Lopez 5 - Ingresso da dimenticare, in pochi minuti sbaglia anche gli appoggi elementari e di fatto non riesce ad entrare in partita. Forse la prima vera insufficienza per questo ordinato spagnolo da quando è arrivato a Napoli).

Callejòn 5 - Quando non segna il Napoli ha un problema, perché lo spagnolo parte sempre defilatissimo, si fa vedere poco se non per qualche appoggio svogliato e poco altro. Oggi, ad esempio, è l'uomo in meno.

De Guzman 6,5 - Come Hamsik, svaria molto sul centro-sinistra sovrapponendosi spesso e volentieri al suo capitano. Non ha la verve di Mertes e Insigne, ma tatticamente è molto utile. Timbra con un inserimento da ghost player, sbucando alle spalle dei difensori, più alla Callejòn che alla Insigne. Segno che non c'è bisogno necessariamente di essere un folletto imprendibile per far bene lì. (Dall'81' Britos sv)

Hamsik 5 - L'alternanza sulla sinistra con De Guzman produce una dose di imprevedibilità sul centro-sinistra che però termina la sua incidenza alla fine del primo tempo. Nella ripresa dimentica la benzina negli spogliatoi, gioca passeggiando e sbaglia tutto il possibile, dalle conclusioni (sempre strozzate) dal limite ai passaggi più semplici. Quando la squadra ha più bisogno del suo capitano lui scompare dai radar. Problema annoso, forse irrisolvibile. O no?

Higuaìn 6 - Pronto e scaltro nello sfruttare uno svarione difensivo per l'1-0, che poi è un gioco da ragazzi per uno come lui. Aspetta spesso il pallone sui piedi, torna in difesa a dare una mano. Se la partita durasse 45' sarebbe da 7 pieno. Purtroppo per lui c'è anche il secondo tempo, ma forse non l'avevano avvertito.

All. Benìtez 5,5 - Ok, gli infortuni. Ok, alcuni imprescindibili sono in calo di condizione. Ok tutto, ma non si possono prendere certi gol sui calci piazzati e soprattutto non si può cambiare completamente volto quando si esce dagli spogliatoi, altro problema atavico di questo Napoli. Un primo tempo dominato doveva portare ad un risultato decisamente diverso. 

 

CAGLIARI

Cragno 5,5 - Trafitto tre volte, il gol di Inler è probabilmente quello su cui ha più responsabilità, visto che non la vede neanche partire ed è piazzato piuttosto male.

Pisano 5 - Il continuo alternarsi di Hamsik e De Guzman dalla sua parte lo manda al manicomio. Da quella parte si sviluppano la maggior parte delle azioni avversarie, da lì nasce il gol dell'olandese. (Dall'81' Capuano sv)

Ceppitelli 5 - Partita in continua difficoltà su Higuaìn, che lo salta ogni volta che ce l'ha di fronte e gli sbuca alle spalle quando vuole. Colpevole anche lui sul gol del Pipita. 

Rossettini 5 - Disattenzione incredibile sul gol di Higuaìn: l'argentino gli si infila alle spalle mentre lui sta provando a far scattare un fuorigioco che neanche avrebbe avuto luogo.

Balzano 6 - Molto meno coinvolto dei compagni nelle azioni da gol, pomeriggio non tranquillo ma neanche da mal di testa, complice un Callejòn non proprio ispiratissimo.

Dessena 6,5  - Corre come un matto, spende tantissimo, è il centrocampista che più scala in aiuto ai difensori. Zeman lo toglie ad un quarto d'ora dal temine: era stremato. (Dal 76' Donsah sv)

Crisetig 6 - Il vigile urbano della squadra, smista il pallone quando ce l'ha fra i piedi ma non sempre con precisione. Insufficiente nel primo tempo, la sua crescita coincide con quella della squadra in una ripresa che ha poca storia.

Ekdal 6 - Il cavallone svedese oggi è molto limitato nelle sue scorribande dalla presenza costante di Gargano alle calcagna. Lavoro oscuro buono per la causa.

Ibarbo 7,5 - Gioca praticamente da esterno di centrocampo, torna spesso a recuperare il pallone nelle retrovie ma non perde mai la lucidità per farsi trovare pronto quando serve. Nel primo tempo il gol e poco altro, nella ripresa prende coraggio e si rende spesso pericoloso, con l'affondo del terzo gol che porta la sua firma. Si sa, quando ingrana la marcia è uno che fa la differenza. (Dall'89' Caio Rangel sv)

Cossu 6,5 - La posizione ibrida, praticamente da prima punta, non gli giova molto. Nel primo tempo fatica a trovare la posizione, diventa facile da marcare e dà troppi punti di riferimento agli avversari. Poi prende le misure ai difensori e da lì i poi inizia a dare parecchi problemi sia ai difensori che ai centrocampisti avversari.

Farias 7,5 - Si muove tantissimo, anche lui fa un lavoro ingrato di raccordo col centrocampo e ci mette un po' a trovare il bandolo della matassa. Però si fa trovare al posto giusto e al momento giusto su quel calcio piazzato, quando praticamente entra in porta col pallone, idem quando Ibarbo gli serve l'ennesimo bijou da scartare e depositare in rete.

All. Zeman 7 - Partita da over 3,5 base, del resto di fronte c'erano due degli allenatori che prendono più rischi di tutti. Il boemo se la gioca fino alla fine e rischia addirittura di portare a casa un rocambolesco 3-4 che sarebbe stato un autentico trionfo. Partita molto bella, ricca di emozioni. Marchio di fabbrica per lui che qui non ha lasciato un grandissimo ricordo.

 

Arbitro Tommasi 6 - Direzione senza grossi sussulti, gli sfugge qualche fallo e qualche situazione un po' intricata, ma niente di trascendentale.

 

TABELLINO

NAPOLI-CAGLIARI 3-3

NAPOLI: Rafael; Maggio, Henrique, Koulibaly, Ghoulam; Gargano, Inler (Dal minuto 63 David López); Callejon, Hamsik, De Guzman (Dal minuto 82 Britos); Higuain. 
A disposizione:  Colombo, Andujar, Mesto, Radosevic, Albiol, Zapata.  All. Benitez

CAGLIARI: Cragno; Balzano, Ceppitelli, Rossettini, Pisano (Dal minuto 82 Capuano); Dessena (Dal minuto 77 Donsah), Crisetig, Ekdal; Ibarbo (Dal minuto 90 Caio Rangel), Farias, Cossu. 
A disposizione: Carboni, Murru, Longo, Joao Pedro, Capello, Benedetti.  All. Zeman

Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa

Marcatori: 11’ Higuain (N), 30’ Inler (N), 39’ Ibarbo (C), 48’ Farias (C), 62’ De Guzman (N), 68’ Farias (C).

Ammoniti: Koulibaly, Farias, Pisano

 




Commenta con Facebook