• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Milan-Inter, Mancini: "Non sono abituato a lottare per il terzo posto. Calciopoli è il passato"

Milan-Inter, Mancini: "Non sono abituato a lottare per il terzo posto. Calciopoli è il passato"

L'allenatore di Jesi, al ritorno sulla panchina nerazzurra, è intervenuto in conferenza stampa


Roberto Mancini (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

22/11/2014 13:55

MILAN INTER CONFERENZA STAMOA MANCINI / MILANO - Un ritorno decisamente non banale per Roberto Mancini sulla panchina dell'Inter. L'avventura 'bis' del tecnico di Jesi alla Pinetina avrà come prima tappa proprio il derby della 'Madunina' contro i cugini del Milan. L'ex allenatore di Manchester City e Galatasaray - per le news Inter - è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell'attesa stracittadina di Milano.

SCINTILLA - "Mi serve tempo per conoscere la squadra, quattro giorni con tutta la rosa a disposizione sono pochi dopo la parentesi con le Nazionali. Abbiamo fatto un buon lavoro, però solo giocando conoscerò meglio tutti. Il cambio in corsa non è mai facile, però può scattare una scintilla: in un derby può accadere di tutto".

CLASSIFICA E THOHIR - Non sono abituato a lottare per il terzo posto, però non guardiamo la classifica adesso. Domani voglio vedere che i ragazzi giochino da squadra, la mentalità e l'attitudine alla partita saranno le cose più importanti. Il calciomercato di gennaio? Cerchiamo di fare il massimo con la rosa che abbiamo".

THOHIR - "Ho avuto una buona impressione di Thohir, abbiamo parlato di tutto, però siamo stati poco insieme. Ha una grande passione per il calcio e per l'Inter. Dovremo conoscerci un po' di più".

INZAGHI - "Inzaghi può avere un grande futuro davanti. E' agli inizi, serve pazienza, bisogna dargli tempo. Ma ha le qualità per fare benissimo anche da allenatore".

GUARIN E KOVACIC - "Credo che Guarin sia un grande centrocampista. Anche perché è bravo anche nella fase difensiva oltre che in quella offensiva. Per noi sarà sicuramente un giocatore importante. Kovacic? Ha grandi qualità tecniche. È un giocatore su cui faremo grande affidamento, ma senza pressioni. E' giovane, deve crescere: per essere un calciatore universale deve affinarsi anche nella fase difensiva".

MODULO - "Mazzarri è un ottimo tecnico, non è uno sprovveduto. Ho dei giocatori adatti a giocare sia con la difesa a quattro che a tre: non mi preoccpo di queste cose, quello che contà è la mentalità. Dubbi di formazione? Medel non l'ho ancora visto, mentre Hernanes non sta benissimo. Deciderò domani chi schierare in quella posizione di campo".

CALCIOPOLI - "Le dichiarazioni di Agnelli? L'Inter ha già risposto in precedenza, per me è cosa troppo vecchia, pensiamo al presente. Dobbiamo cercare di far dei punti, che la squadra giochi. Noi eravamo qua e sappiamo qual era il nostro comportamento. Quelle cose fanno parte del passato".




Commenta con Facebook