• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altro > Figc, approvato il nuovo regolamento intermediari: ecco tutte le novità del calciomercato

Figc, approvato il nuovo regolamento intermediari: ecco tutte le novità del calciomercato

Le disposizioni entreranno in vigore dal 1° aprile 2015. Abolito l'esame di idoneità


Ata Hotel (Calciomercato.it)
Eleonora Trotta (Twitter: @elenora_trotta)

20/11/2014 18:10

FIGC NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI / ROMA - La Figc ha approvato oggi all'unanimità il nuovo regolamento sugli intermediari, emanato dalla Fifa lo scorso 11 giugno in Brasile: una serie di disposizioni che aboliscono l'esame di idoneità e l'Albo internazionale degli agenti in favore di un registro nazionale.

Eccole nel dettaglio:

-Eliminato l'esame di idoneità sui regolamenti e contratti in favore di una semplice registrazione

-Le Federazioni nazionali come organi referenti, e non più la Fifa, per eventuali contenziosi;

-Il 3% sullo stipendio del calciatore e sul valore della transazione come commissione per lʼintermediario (vietate le commissioni per i trasferimenti dei minori);

-Lʼimprescindibilità di una reputazione impeccabile (nessuna pendenza penale) del mediatore che condurrà il trasferimento del calciatore.

Queste disposizioni, volute fortemente dal presidente Joseph Blatter, e in particolare l'articolo sulla percentuale fissa dei guadagni, hanno inevitabilmente scatenato le animate proteste dei procuratori patentati. Molti restano preoccupati per la prossima deregulation che favorirà diversi agenti improvvisati, danneggiando, inevitabilmente, chi esercita e ha esercitato il mestiere di procuratore con apprezzata preparazione e professionalità. Le varie associazioni di agenti come l'Efaa (European Football Agents Associations) hanno infine sottolineato un altro aspetto: la mancanza di un mercato armonizzato e di regole condivise a livello europeo. La protesta è finita anche a Bruxelles sul tavolo del Parlamento europeo.




Commenta con Facebook