• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altro > L’ALTRO CALCIO – Nurra, portiere goleador della Nuorese. Veneto: gioca il fratello 'sbagliato'

L’ALTRO CALCIO – Nurra, portiere goleador della Nuorese. Veneto: gioca il fratello 'sbagliato'

La rubrica di Calciomercato.it che approfondisce la passione del calcio dilettantistico


nuoro.jpg
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

18/11/2014 17:00

L’ALTRO CALCIO SERIE D TERZA CATEGORIA SARDEGNA LAZIO / ROMA - Il calcio è passione, a qualsiasi livello. Il mondo del pallone non è costituito solamente dalla ricca cornice degli scenari professionistici. La sublimazione di questo sport la si trova anche dalla Serie D in giù, dove di soldi ne girano pochi ma di storie interessanti ce ne sono a volontà. Nuovo appuntamento per la rubrica di Calciomercato.it  alla scoperta di quello che abbiamo rinominato 'L’Altro Calcio', per dar visibilità anche a chi, mediaticamente, ne ha molta meno.

 

GIACOMO NURRA: PORTIERE GOLEADOR – Domenica da incorniciare per Giacomo Nurra, portiere della Nuorese, assoluto protagonista nel derby vinto con l’Olbia nella gara valida per l’undicesima  giornata del Girone G della Serie D. Al ‘Bruno Nespoli’ di Olbia succede davvero di tutto. I padroni di casa di Oberdan Biagioni perdono la gara 4-3 con la Nuorese di Guglielmo Bacci che coglie il successo negli ultimissimi istanti di gara grazie ad un calcio di punizione di Fadda. A prescindere dalle grandi emozioni nel finale, però, ciò che cattura l’attenzione è sicuramente la rete del 2-1 degli ospiti segnata ad inizio ripresa da Giacomo Nurra, professione portiere. L’estremo difensore classe ’95 entra così nella storia della società sarda grazie ad un colpo di furbizia (con l’aiuto della dea bendata). Il suo calcio di rinvio, seppur molto potente, ha infatti superato il collega Giuseppe Saraò grazie anche al forte vento ed al terreno reso scivoloso dall’acquazzone abbattutosi sul ‘Nespoli’. Una serie di circostanze favorevoli davvero unica, che hanno fatto esplodere di gioia Nurra, corso a festeggiare la rete davanti alla curva dei propri tifosi. La rete del portiere è sempre un evento eccezionale, ma a Nuoro possono vantare già dei precedenti. La memoria locale, infatti, va a Simone Pettinari che il 2 ottobre del 2005 segnò il 2-0 sul campo della Colognese direttamente da calcio di rinvio. Nurra ha potuto giocare titolare domenica per via dell’infortunio occorso all’estremo difensore titolare Simone Deliperi, classe ’80 che sta facendo da ‘chioccia’ al ragazzo nativo di Sassari. Ebbene anche Deliperi può vantare una rete messa a segno nella stagione 1996-1997, quando difendeva i pali del Calangianus,  in Serie D. C’è da scommettere che Nurra abbia ricevuto qualche ‘dritta’ particolare proprio dal suo esperto collega.

 

PROVESE: SCONFITTA A TAVOLINO PER SCAMBIO DI PERSONA – Clamoroso anche quanto accaduto in Caldiero Terme-Provese, gara della Promozione veneta. I padroni di casa si sono imposti per 2-1, ma il giudice sportivo ha annullato il risultato del campo, decretando la vittoria a tavolino per 3-0 (sempre a favore del Caldiero) e la penalizzazione di un punto nei confronti della società ospite. La motivazione? Un clamoroso scambio di persona. Nei minuti di recupero del secondo tempo e con il risultato già sul 2-1, il tecnico della Provese Matteo Fattori tenta l’ultima carta mettendo in campo Mattia Bastianello (attaccante classe ’96 proveniente dal vivaio) in sostituzione di Matteo Billo Viola, giocatore classe ’95. Tuttavia nel referto dell’arbitro viene reso noto che il giocatore entrato in campo non è Mattia ma il fratello Enrico, come scritto nella distinta. Enrico Bastianello, però, è un classe ’91 e così la Provese si trova a giocare gli ultimi minuti della gara con due soli giocatori nati dopo il primo gennaio 1994, violando di fatto il regolamento e generando dunque l’aspra decisione del giudice sportivo. Uno scambio di persona costato caro alla società sambonifacese che, però, potrebbe far ricorso per dimostrare l’assoluta buona fede.




Commenta con Facebook