• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Calciomercato Milan, Inzaghi: "Tra 20 anni ancora allenerò qui. Torres come Crespo"

Calciomercato Milan, Inzaghi: "Tra 20 anni ancora allenerò qui. Torres come Crespo"

Il tecnico rossonero: "La società mi darà una mano nel mercato di gennaio"


Filippo Inzaghi (Getty Images)
Marco Di Federico

14/11/2014 08:10

CALCIOMERCATO MILAN INZAGHI TORRES FERGUSON / MILANO - Filippo Inzaghi è stato il colpo estivo più importante del calciomercato Milan. Dopo una stagione molto difficile tra Allegri e Seedorf i rossoneri avevano bisogno di ripartire dall'entusiasmo e dalla voglia di 'Super Pippo': l'inizio di stagione è senza dubbio incoraggiante, anche se non sarà semplice per i meneghini raggiungere l'obiettivo terzo posto. "Qui tra di noi c'è talmente tanta armonia, tutto fila così liscio che nessuno finora ha pagato una sola multa per ritardi o assenze. Lo spirito di questo gruppo è eccezionale, nessuno finora ha tradito le regole. - le parole del tecnico rossonero a 'Il Corriere dello Sport' - Il passato è alle spalle, quello che è stato è stato: l'importante è sapere che adesso abbiamo intrapreso la strada giusta. Ci vuole un po' di pazienza, presto i tifosi rivedranno il Milan che sognano: ai miei tempi i 20 giocatori del Milan erano i più forti d'Europa. Il Milan sta cercando di ripartire, si vede l'impronta della società e del presidente: ci servirà per valutare la rosa, la società mi darà una mano nel calciomercato di gennaio".

TORRES - "A parte Honda non c'è un centravanti che ha fatto tanti gol. Spero che arriveranno presto da Torres e Pazzini: mi auguro che allo spagnolo accada quello che è successo qui al Milan a Crespo con Ancelotti nel 2004-05. Parlo spesso con lui, ancora oggi è condizionato dall'infortunio alla caviglia subito ad inizio stagione: tutti i giorni lui dà il massimo, questo è quello che conta".

DERBY - "Il derby di Milano è unico, ricordo il primo che ho giocato: 4-2 per noi con Terim in panchina e mio gol di testa. Non poter andare in campo per me significa accumulare tensione che sarà difficile da smaltire".

FUTURO - "Tra 20 anni sarò ancora l'allenatore del Milan, me lo ha detto Berlusconi una delle ultime volte che è venuto a Milanello. Lui vorrebbe che io restassi sempre qui e a me piacerebbe fare quello che ha fatto Ferguson al Manchester United: questa maglia mi ha dato tutto e farò in modo che questa squadra torni ai vertici"




Commenta con Facebook