• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Atalanta > Atalanta, Marino: "Con la Roma per sorprendere. Napoli impressionante"

Atalanta, Marino: "Con la Roma per sorprendere. Napoli impressionante"

Il direttore generale dei bergamaschi parla anche di Balotelli


Marino ©Getty Images

13/11/2014 16:02

ATALANTA MARINO ROMA NAPOLI BALOTELLI / BERGAMO - Pronto lo sgambetto alla Roma: l'Atalanta si appresta a sfidare la formazione di Garcia alla ripresa del campionato e il direttore generale dei bergamaschi, Pierpaolo Marino, sogna l'impresa. A 'Sky' dice: "Ci approvviamo a tale incontro con umiltà e grande rispetto per la Roma, ma anche con la convinzione che l’Atalanta in queste occasioni spesso riesce a sorprendere. Roma distratta dalla Champions? Garcia è un ottimo comunicatore e dice sempre che bisogna pensare partita per partita: credo quindi che arriveranno a Bergamo per fare una prestazione da Champions. Non dobbiamo sperare nelle loro distrazione, dobbiamo dare il massimo per fermare questa corazzata. Lotta scudetto? Il Napoli per come si è espresso in casa nostra mi ha impressionato: credo che possa rientrare, sempre che non arrivino fattori distrattivi che in una piazza come quella partenopea possono esserci. Insigne per me è l’emblema della rinascita del settore giovanile del Napoli, firmai io il suo contratto: lo porto nel cuore e lo abbraccio".

Marino si sofferma poi sull'aneddoto raccontato nei giorni scorsi su Balotelli e sul momento di forma della squadra di Colantuono: "Balotelli aveva 10-11 anni e Bonifaccio, il selezionatore dell’epoca, fu contestato da Mario e per questo fu deciso di non selezionarlo pur avendo qualità notevoli. Mancanza di gol? Il problema degli attaccanti è che quando abituano bene, come ha fatto Denis, quando non segnano si parla di crisi. In realtà l’equilibrio di una squadra ad inizio stagione potrebbe aver bisogno di una messa a punto ed è quello che conta. L’inizio di stagione può portare ad errata valutazione sia nel male che nel bene".

B.D.S.




Commenta con Facebook