• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Italia-Croazia, Srna: "Potevo giocare nel Milan, Kovacic grande via dall'Inter"

Italia-Croazia, Srna: "Potevo giocare nel Milan, Kovacic grande via dall'Inter"

Il terzino dello Shakhtar: "Voi non ci avete mai battuti nella storia recente"


Darijo Srna (Getty Images)
Marco Di Federico

11/11/2014 09:41

ITALIA CROAZIA SRNA KOVACIC EUROPEI / MILANO - Quella contro la Croazia è sicuramente la sfida più affascinante dell'Italia nelle qualificazioni ad Euro 2016. Nella rinnovata Nazionale di Kovac il capitano e guida spirituale è Darijo Srna, 32enne terzino dello Shakhtar. "L'Italia gioca in casa e parte favorita, come percentuali direi che siamo 60 e 40. Ma la mia Croazia attraversa un gran bel momento, gioca al meglio delle sue possibilità. - le sue parole a 'La Gazzetta dello Sport' - Abbiamo inserito tanti ragazzi che sono il futuro del Paese e noi veterani li stiamo aiutando a giocare al più alto livello possibile così tra qualche anno i leader saranno loro. Abbiamo un ct come Kovac pieno di idee. Sento tutti dire che con l'Italia sarà la gara decisiva del girone, ma non lo è affatto: di sicuro sarà una bella partita, voi non ci avete mai battuti nella storia recente".

MILAN - "Il calciomercato mi stava per portare al Milan. Nel 2000 con l'Hajduk giocai il Viareggio, mi notò Franco Baresi e mi invitò da loro. All’epoca non avevo nemmeno un agente, e poi non se ne fece niente. Avevo un sacco di proposte: Italia, Russia, Germania e un altro paio di club ucraini. Così mi riunii con la famiglia e alla fine scelsi Donetsk. Allenava Schuster, che mi voleva a tutti i costi. Ma chi mi convinse fu il presidente Akhmetov: mi disse subito che voleva costruire qualcosa di grande. Gli ho creduto, e sono stato fortunato ad averlo fatto".

KOVACIC - "É uno dei migliori 2-3 giocatori che avete in Italia. L'Inter dovrebbe costruirgli la squadra attorno: è un limited edition player, fa la differenza. È giovane, e c'è da considerare che l’Inter al momento non è un top team. Se fosse in un club migliore migliorerebbe più velocemente anche lui".

HALILOVIC - "Rispetto a Modric ha un tocco e un modo di giocare diversi, Ha qualità individuali incredibili, un sinistro eccezionale e un carattere non da meno. È sulla buona strada per diventare un top player".




Commenta con Facebook