• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Football Killed Tancredi > ROMA-TORINO: LE PAGELLE DI TANCREDI PALMERI

ROMA-TORINO: LE PAGELLE DI TANCREDI PALMERI

I giudizi espressi dal protagonista della nostra rubrica 'Football Killed Tancredi'


Totti e Ljajic (Getty Images)
dall'inviato Tancredi Palmeri

09/11/2014 22:53

ROMA TORINO PAGELLE TANCREDI PALMERI / ROMA - La Roma vince e convince contro il Torino. Ecco voti e giudizi del nostro inviato Tancredi Palmeri.

ROMA

De Sanctis 6: giusto un paio di uscite e poco più, il Torino non è da incubi e nemmeno da acidità di stomaco.

Torosidis 7: prontissimo sul gol, nel movimento ancor prima che nell'esecuzione, ma in generale è padrone della fascia.

Manolas 6: anche per lui è grossomodo ordinaria amministrazione tenere alla larga Quagliarella o eventualmente El Kaddouri.

(dal 76') Nainggolan sv

Yanga Mbiwa 6: sincronismi in scioltezza col compare greco, è forse la vera sorpresa del mercato romanista.

Ashley Cole 6.5: forse la sua prova migliore - dice, ci vuole molto… Inghiotte Farnerud e addirittura torna a farsi vedere in avanti.

Pjanic 6: stranamente non troppo ispirato, a parte la traversa su punizione. Magari colpa nostra che ci attendiamo tanto, però così funziona per i giocatori di livello.

(dall'82') Strootman sv

De Rossi 6.5: è il papà di centrocampo che brilla per sottrazione, che tiene i bimbi che giocano sotto controllo e quando qualcuno sta per farsi male eccolo che interviene indolore.

Keita 7: comincia a girare l'accoppiata con De Rossi, e lui ci abbina un gol che non è casuale, perché si inserisce spesso. 

Ljajic 6.5: i margini di miglioramento sono ancora ampi, soprattutto nella costanza di stare nella partita, però è più sciolto nella giocata, ed ecco quindi il gol.

Totti 7: una delle sue serate, quando un tocco suo ne vale quindici ordinari degli altri; la maniera con cui prende la mira per l'assist del primo gol è simbolico dello scarto temporale tra la sua testa e il resto del mondo all'Olimpico.

(dal 70') Destro sv

Gervinho 7: sale di tono nel Secondo Tempo quando gli altri calano, ma anche prima aveva piazzato scatti ben assestati.

Allenatore. Garcia 7: la sua Roma, bella e implacabile. Certo non è che una vittoria in carrozza contro un Torino dimesso abbia cancellato i dubbi sulla personalità sua e della squadra nelle grandi partite, ma ci sarà modo di riparlarne.


TORINO

Gillet 6: poverino non può molto su ciascun gol, anzi evita un paio di volte che il Toro caschi giù fragoroso.

Maksimovic 5: fa l'autovelox di Gervinho, quindi facile che l'ivoriano si debba aspettare in settimana una malloppata di foto a casa. 

Glik 5.5: è quello che in marcatura prova a tenere più su la barca, ma stasera è davvero difficile.

Moretti 5: il primo ad affondare e da lì a tirarsi giù squadra e prestazione sua, con la copertura aleatoria sul primo gol.

Peres 5: inizio quasi baldanzoso, e forse lo paga più avanti quando di aiutare su Gervinho manco pe gnemte.

Vives 5.5: partita complicata per un centrale di centrocampo. Magari gioca qualche palla interessante, ma niente di trascendentale. 

(dal 42') Nocerino 5.5: entra a partita già impacchettata nonostante non sia nemmeno finito il Primo Tempo, poi fa il minimo sindacale.

Gazzi 5: sopraffatto da cotanto romanismo a centrocampo, la sua sfortuna è che pure il suo pelo rosso non può nemmeno confondersi con le maglie avversarie perché la Roma gioca all black.

Darmian 5: niente in fase offensiva, peggio in fase difensiva. Meno male che Conte aveva già dato i convocati...

Farnerud 5: tatticamente nemmeno malissimo nel portare iniziale pressione sulla costruzione dal basso della Roma. Solo che non riesce a sopportare il compito.

(dal 46') Sanchez Mino 5: messo dentro per avere più attività in attacco. Come non detto, pazienza.

El Kaddouri 5.5: forse il più attivo nel provare a portare scompiglio, ma rimane poi solo la voglia.

(dal 76') Martinez sv

Quagliarella 5: l'atteggiamento è giusto nell'andare nei duelli, però i suoi tocchi non sono mai efficaci, e se non gira lui...

Allenatore. Ventura 5.5: mezzo voto in più al coraggio di essersela venuta a giocare con un vero 3-4-3, almeno fino all'intervallo. Poi se il gap è incolmabile non ci puoi fare molto, ma visto che ci lamentiamo di piccole che 'se scansano' con Juve e Roma, ecco che almeno uno c'ha provato con quello che poteva.


Arbitro. Banti 6.5: voto da estendere alla terna quasi perfetta su dei fuorigioco davvero difficili.




Commenta con Facebook