• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-YOUNG BOYS

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-YOUNG BOYS

De Guzman porta il pallone a casa, attacco azzurro devastante: altra gran partita per i ragazzi di Benitez


De_Guzman_jeans.jpg
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

06/11/2014 23:06

ECCO LE PAGELLE DI NAPOLI-YOUNG BOYS


NAPOLI 

Rafael 6,5 - Una buona uscita ad abbrancare il pallone, poi il nulla. Il divario fra i tiri in porta del Napoli e quelli degli ospiti è sconcertante. Porta a casa la pagnotta con il salvataggio nel finale. 

Mesto 7 - Non gioca mai, ma quando lo fa dimostra perché lo scorso anno Benìtez si fosse "innamorato" di lui. Umile e attento in fase difensiva, si propone alla grande in sovrapposizione su Mertens con freschezza atletica e puntualità. Un suo affondo ad inizio primo tempo poteva chiudere i conti molto prima, ma Zapata spreca. 

Henrique 6,5 - Pulito e senza sbavature, contribuisce ad una prestazione difensiva top della squadra con una gara senza patemi. 

Koulibaly 6,5 - Anche lui, che ormai è una certezza, tiene in piedi la baracca senza sbagliare nulla. Con una naturalezza che fa sembrare semplici anche le cose più difficili. 

Britos 6,5 - Inizio positivo e concentrato, poi si tuffa coraggiosamente a salvare un pallone su Hoarau e becca un calcione alla testa. Resta stoicamente in campo, poi però deve alzare bandiera bianca. (Dal 37' Ghoulam 6,5 - Rispetto a Britos naturalmente si propone di più, va a dare una mano ad Insigne in fase offensiva. Bene così).

Gargano 6,5 - Ormai quando non c'è la sua assenza si sente, così come si sente la sua presenza. Perde qualche pallone evitabile, ma il bilancio con le palle recuperate è decisamente in attivo. 

Inler 6,5 - Stasera entra in campo con la fascia al braccio e porta a casa una buona prestazione, ordinata e qualche volta sopra alle righe, con qualche conclusione che impensierisce Mvogo. 

Mertens 7 - La posizione sul lato opposto del campo non gli giova, si vede che non è a suo agio. Ad un certo punto uno spiovente potrebbe prenderlo al volo e invece prova ad addomesticarlo, con scarsi risultati. Eppure ci prova in continuazione, sia a concludere che ad assistere i compagni. Con più concretezza sotto porta avrebbe fatto la differenza anche stasera. 

De Guzman 8 - Lucido, sveglio, sempre nel vivo dell'azione. La posizione non decentrata gli giova eccome, gli serve per fare quel movimento di raccordo fra seconda e prima linea che gli chiede Benìtez. Sfiora il gol due volte, poi lo trova con una parabola beffarda, con la fattiva collaborazione del vento. Che è come la fortuna, aiuta gli audaci. Il tap-in del raddoppio è il punto esclamativo, il terzo è il Ctrl+U ad una prestazione finalmente convincente. Bidone a chi? 

Insigne 7 - E' il più vivo dei suoi, i continui stop & go mettono in costante difficoltà i dirimpettai. Ci prova a più riprese, ma un ispirato Mvogo gli dice di no. Ci prova con insistenza, non lo trova mai ma resta comunque fra i più in palla. Lascia il campo perplesso, ma di tanto in tanto il fiato deve tirarlo anche lui. (Dal 73' Callejòn sv) 

Zapata 6,5 - Letteralmente inguardabile fino al minuto 66, quando decide che quella prestazione fatta di tocchi svogliati e poche conclusioni a rete non è più accettabile. Prende palla a centrocampo e parte come sa fare solo lui, travolge tre avversari e poi serve d'esterno De Guzman, che deve solo insaccare. Questo ragazzo crescerà, troverà sicurezza e continuità e farà parlare di sé, vedrete. (Dal 78' Higuaìn sv)

All. Benìtez 7,5 - Stavolta il turnover è più ragionato, con gli elementi giusti al posto giusto e "l'azzardo" di Mertens sulla destra. Gli danno ragione proprio i rincalzi, alcuni dei quali fra i migliori in campo. Spinge come un forsennato fino alla fine, vuole il 3-0 e lo ottiene. Con questa il primo posto nel girone è ritrovato e a questo punto sarà difficile dilapidare la qualificazione. Sta andando tutto come diceva lui, forse anche i più testardi adesso hanno capito dove voleva arrivare. 

 


YOUNG BOYS 

Mvogo 6,5 - In un primo tempo che rasenta la perfezione ci vogliono De Guzman e... il vento a trafiggerlo. Nella ripresa è un bombardamento in piena regola, lui abbassa la saracinesca finché non gliela sfondano a pallonate.  

Hadergjonaj 6 - Un Insigne in gran condizione lo fa ammattire, lui però prende di petto la situazione e tampona il tamponabile, proponendosi anche sull'esterno per aiutare Steffen. C'è ben poco da imputargli. 

Vilotic 5 - Lui e Von Bergen oggi sembrano due marinai che tolgono acqua dalla stiva della nave con i bicchieri di plastica. Scherzato da Zapata in occasione del 2-0

Von Bergen 5 - Il capitano è l'ultimo a mollare, limita i danni quanto può ma stasera il Napoli è scatenato. Infatti molla di schianto a pochi minuti dal termine: molto molto approssimativo in chiusura sul 3-0 di De Guzman, in discreta parte colpa sua. 

Rochat 5 - A proposito di 3-0, il disimpegno sciagurato sui piedi di De Guzman vale al Napoli il gol più pesante della serata, quello che a parità di punti eliminerà lo Young Boys. Peccato, la sua gara non era stata così malvagia. 

Sanogo 5 - Anche lui impressionante all'andata, dove in mezzo al campo aveva fatto la parte del leone, oggi invece al cospetto dei mediani azzurri è un agnellino. 

Gajic 5 - Nel particolarissimo modulo dello YB gioca in una posizione piuttosto ibrida, che non gli consente di incidere quanto dovrebbe. Cambio tattico con Kubo per ritrovare verve da centrocampo in su. (Dal 60' Kubo 5 - Missione fallita, dovrebbe cambiare le cose invece non vede palla).

Bertone 5 - Anche lui dovrebbe giocare fra centrocampo e attacco, dove dovrebbe dare una mano, ma non si vede. Impalpabile. 

Steffen 5,5 - Esterno molto più basso sulla destra, si occupa di coprire ma si propone di tanto in tanto anche in avanti. Spende tantissimo, esce stremato, ma niente di trascendentale. 

Hoarau 5 - Hombre del partito due settimane fa, oggi la difesa partenopea gli prende le misure fin da subito. Tocca pochi palloni e sono tutti per far respirare un po' la squadra, niente di pericoloso. (Dal 68' Afum 5 - Fumoso come suggerisce il cognome, un paio di sortite ma poi più nulla).

Nuzzolo 5 - All'andata era stato fra i migliori, con un movimento incessante che aveva mandato in tilt la difesa azzurra. Oggi gioca con meno libertà di svariare e la prestazione ne risente. (Dal 60' NIkci - Subito pericoloso appena entrato in campo, ma la conclusione è debole fra le braccia di Rafael, poi scompare anche lui dai radar). 

All. Forte 5 - Da scafato mestierante della panchina sapeva bene che un exploit come quello di Berna è difficile ripeterlo. Cambia modulo e carte in tavola ma gli dice male. Il Napoli è una furia, tira in porta decine di volte e i suoi non vedono palla. 

 

Arbitro Hansen 6 - Pochi episodi da segnalare, salvo qualche fuorigioco ben visto. La sintesi della sua gara è tutta nella quantità di cartellini estratti (vedi tabellino). 

 


TABELLINO 

NAPOLI-YOUNG BOYS 3-0

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Mesto, Henrique, Koulibaly, Britos (dal 38' Ghoulam); Inler, Gargano; Mertens, De Guzman, Insigne (dal 73' Callejon); Duvan (dal 79' Higuain). A disposizione: Andujar; Albiol, Maggio; Jorginho. All.: Benitez

Young Boys (4-3-3): Mvogo; Hadergjonaj, Vilotic, Von Bergen, Rochat; Steffen, Sanogo Junior, Nuzzolo (dal 61' Nikci); Gajic (dal 61' Kubo), Hoarau (dal 68' Afum), Bertone. A disposizione: Lecjaks, Sutter, Wolfli, Zarate. All.: Forte

Arbitro: Kenn Hansen

Marcatori: 48', 65', 84' de Guzman

Ammoniti: nessuno

 



Commenta con Facebook