• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Parma-Inter, Mazzarri: "Non sappiamo fare il salto di qualità. Mie colpe? Non avevo alternative"

Parma-Inter, Mazzarri: "Non sappiamo fare il salto di qualità. Mie colpe? Non avevo alternative"

Il tecnico dei nerazzurri commenta la sconfitta del 'Tardini'


Walter Mazzarri © Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

01/11/2014 23:05

PARMA INTER MAZZARRI / PARMA - La maledizione del tre: ancora una volta l'Inter fallisce l'appuntamento con la terza vittoria consecutiva. Al termine della sfida con il Parma, Walter Mazzarri commenta la partita a 'Sky': "Il Parma ha fatto una partita veemente e ci ha concesso pochi spazi nel primo tempo. Nel secondo tempo cambiando modulo è normale che viene a mancare un po' di organizzazione, però abbiamo avuto le nostre occasioni, li abbiamo messi lì, ma non siamo riusciti a segnare. Non sappiamo fare il salto di qualità, quando si tratta di fare il salto di qualità ci areniamo: ora dobbiamo ripartire e pensare al Saint-Etienne. Abbiamo fatto bene le ultime tre partite e oggi ci aspettavamo un'altra partita buona: forse siamo entrati in campo troppo spavaldi. Dopo il gol ci siamo disuniti e innervositi".

Mazzarri poi si sofferma sul momento negativo di Palacio, ancora a secco di gol: "Anche Higuain ha avuto difficoltà e ha iniziato a giocare da campione da poco. Rodrigo ha avuto dei problemi, ancora non sta benissimo e forse paga questo. Hernanes l'ho forzato a giocare e spero che non si sia infortunato di nuovo. Siamo in una situazione difficile per gli infortuni, in emergenza e non siamo riusciti a fare il salto di qualità".

Il tecnico nerazzurro continua: "Occorre continuità, sapere che in Italia tutte le squadre ti affrontano con questa veemenza. Ora bisogna continuare a lavorare e tenere in considerazione anche gli infortuni, anche perché giocare sempre con gli stessi calciatori non è facile. Lavorerò comunque sulle teste: bisogna migliorare. Mie responsabilità? La formazione era obbligata, non avevo molte alternative". 

 




Commenta con Facebook