• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Menez: "Rendo più da centrale, l'infortunio mi ha frenato"

Milan, Menez: "Rendo più da centrale, l'infortunio mi ha frenato"

L'attaccante rossonero ha parlato in conferenza stampa


Jeremy Menez (Getty Images)

31/10/2014 12:44

MILAN MENEZ CONFERENZA STAMPA / MILANO - Intervenuto in conferenza stampa all''Expo Gate', l'attaccante rossonero Jeremy Menez, arrivato nel mercato estivo, ha commentato le ultime news Milan e la sua recente condizione fisica.

CONDIZIONE - "Quindici giorni a stare fermo sono tanti. Sono deluso, voglio recuperare il prima possibile la condizione per aiutare il mister e i compagni". 

RUOLO - "Rendo di più fa centrale, ma posso giocare anche defilato. In ogni caso decide il mister. Siamo intanti e rispettiamo le scelte dell'allenatore".

TERZO POSTO - "Sicuramente possiamo puntare alla qualificazione in Champions League. Con la squadra che abbiamo sarebbe un peccato non andarci. Il mister ha portato lo spirito giusto".

MILANELLO - "C'è sempre il sorriso, siamo un bel gruppo e viviamo bene lo spogliatoio. Mi sento bene qui. La città? Abito un po' fuori perché mi piace la natura".

FERNANDO TORRES - "Possiamo giocare insieme. A Parigi giocavo con Ibrahimovic. Però ci sono anche gli equilibri della squadra che vanno considerati dall'allenatore".

MONTOLIVO - "Sono contento del suo recupero, è il nostro capitano. Speriamo di ritrovarlo presto in campo".

INZAGHI - "Si è informato molto su di me tramite altre persone. Sapeva dove potevo giocare e le mie preferenze".

FRANCIA - "Sono venuto al Milan per lavorare e tornare in Nazionale. Poi sarà il ct a fare le sue scelte. Non devo mollare, penso al futuro".

SCUDETTO - "Il campionato sta avendo un andamento strano. Juventus e Roma sono squadre forti, ma nel calcio non si può mai dire. Ce la giocheremo fino alla fine e vedremo quale sarà la nostra posizione in classifica".




Commenta con Facebook