• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Salute, diabete: arriva FreeStyle Libre, monitora il glucosio senza pungere il dito

Salute, diabete: arriva FreeStyle Libre, monitora il glucosio senza pungere il dito

E’ composto da un sensore che si applica nella parte posteriore del braccio e da un lettore


Insulina (Getty Images)

29/10/2014 17:14

SALUTE DIABETE FREESTYLE LIBRA / ROMA – Chi soffre di diabete è costretto a dosare più volte al giorno il livello del glucosio nel sangue attraverso una puntura al dito. Ma a breve questo metodo sarà superato da ‘FreeStyle Libre’. Si tratta del primo sistema di monitoraggio rapido del glucosio che consente di ottenere un quadro completo del profilo glicemico senza usare lancette e senza bisogno di pinzare dolorosamente il dito.

COME FUNZIONA - FreeStyle Libre è composto da un sensore (molto piccolo, delle dimensioni di una moneta da 2 euro circa) che si applica indossandolo a contatto con la parte posteriore del braccio e da un lettore del livello di glucosio. Grazie a questo dispositivo è quindi possibile misurare automaticamente il livello di glucosio nei fluidi interstiziali e memorizzarne costantemente i valori, durante il giorno e la notte, attraverso un sottile filamento che si inserisce sottocute e rimane fissato alla pelle con materiale adesivo. Rilevare poi i valori comunicati dal sensore è altrettanto facile e indolore perché basta passare il lettore sopra al sensore e in pochissimi secondi si visualizzano i risultati su un display touch screen a colori. Ma non è tutto. Il sensore può essere indossato nelle più svariate circostanze della giornata (anche per nuotare, fare la doccia o mentre si fa attività sportiva) consentendo un’applicazione consecutiva di ben 14 giorni.

LE DICHIARAZIONI – Emanuele Bosi, professore associato Dipartimento ‘Endocrinologia e Diabetologia’ Università Vita-Salute dell’Ospedale S. Raffaele di Milano ha commentato: “Questo sistema apre una nuova era nel monitoraggio della glicemia poiché consente di controllare facilmente i livelli di glucosio sfruttando una tecnologia avanzata con sensori da indossare, senza usare lancette e senza pungere il dito. FreeStyle Libre elimina il peso del controllo della glicemia e permette alle persone con diabete e ai medici di comprendere meglio il profilo glicemico e attuare le migliori strategie terapeutiche per un’ottimale gestione del diabete”.

Salvatore Caputo, Presidente di Diabete Italia, invece, ha dichiarato: “FreeStyle Libre di Abbott soddisfa un bisogno importante, ancora insoddisfatto, delle persone con diabete. Basti pensare che, in Italia, per un diabetico su due la puntura del dito è un buon motivo per non testarsi e che la maggioranza delle persone con diabete non misura regolarmente la glicemia, con il risultato che va incontro a crisi ipoglicemiche tre volte di più di chi si controlla regolarmente e viene ospedalizzato il doppio delle volte con un costo a carico del SSN del 66% superiore”.

L’ International Diabetes Federation ha stimato che sono 382 milioni le persone nel mondo affette da diabete, quasi 4 dei quali in Italia e le proiezioni indicano un aumento del 20 percento entro il 2035, ma grazie a questo innovativo sistema verrà eliminato il peso del controllo più volte al giorno della glicemia, permettendo ai pazienti affetti da diabete e ai medici di comprendere meglio la malattia.

E’ utile sottolineare anche che FreeStyle non è il primo dispositivo hi-tech per il controllo della glicemia: qualche mese fa una start up israelianana aveva sviluppato ‘Dario’, strumento in grado di monitorare in modo integrato i parametri vitali necessari per tenere sotto controllo le condizioni di salute di chi soffre di diabete, per la cui cura risulta ancora fondamentale l’uso dell’insulina.

S.C.




Commenta con Facebook