• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sampdoria > Inter-Sampdoria, Mihajlovic: "A chi non piacerebbe la panchina nerazzurra?"

Inter-Sampdoria, Mihajlovic: "A chi non piacerebbe la panchina nerazzurra?"

Il tecnico blucerchiato, in conferenza stampa, ha parlato anche dell'accostamento alla sua ex squadra


Sinisa Mihajlovic (Getty Images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

28/10/2014 17:05

INTER SAMPDORIA MIHAJLOVIC FERRERO / GENOVA - Tra passato, presente e futuro. Una sfida molto particolare quella tra Inter e Sampdoria, anche e soprattutto per il tecnico blucerchiato Sinisa Mihajlovic, sempre al centro delle voci di calciomercato Inter dopo essere stato più volte accostato anche negli ultimi giorni alla panchina nerazzurra. "La partita di domani è una grande soddisfazione: arriviamo da terzi in classifica con quattro punti di vantaggio sull'Inter - esordisce Mihajlovic nella consueta conferenza stampa alla vigilia dell'incontro - Abbiamo ottenuto 10 punti e 13 posizioni in più rispetto allo scorso anno, siamo imbattuti e abbiamo fermato anche la Roma. E' un successo ottenuto sicuramente con merito, ma ora dobbiamo mantenere i piedi per terra. Con il lavoro e la grinta possiamo colmare il gap con le grandi. L'Inter? Per me è come una famiglia. Sono stato acolto benissimo e devo molto a Moratti ed al club. Mi dispiace per l'addio di Moratti che è un simbolo esemplare della passione sportiva, ma sono sicuro che era necessario per dare il via ad una nuova Era. Ora ha lasciato ed è giusto che il nuovo presidente si imponga, altrimenti non sarebbe servita la cessione. Le voci di calciomercato? A chi non piacerebbe allenare l'Inter? Però io ho rispetto dei colleghi e parlo solo della mia panchina".

Mihajlovic, poi, conclude: "Abbiamo impostato la partita pensando di più a noi che agli altri. C'è rispetto, ma non paura, figuriamoci. L'anno scorso era la prima di Thohir e abbiamo pareggiato: quest'anno gli daremo un dispiacere. Faremo turnover, ci saranno dei cambi anche con la Fiorentina poi. Regini e Soriano sono ok, Silvestre invece lo voglio tenere a riposo precauzionale. Ferrero? Avete imparato a conoscerlo. Bisogna ascoltarlo, non commentarlo".




Commenta con Facebook