• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus-Palermo, Allegri: "Critiche ingiuste. Moviola? Il problema è un altro"

Juventus-Palermo, Allegri: "Critiche ingiuste. Moviola? Il problema è un altro"

Le parole del tecnico bianconero alla vigilia della sfida dello 'Juventus Stadium'


Massimiliano Allegri (Getty Images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

25/10/2014 12:00

JUVENTUS PALERMO CONFERENZA STAMPA ALLEGRI / TORINO - Dopo il ko in Champions League sul campo dell'Olympiacos, la Juventus cerca il riscatto in campionato. Si riparte davanti al proprio pubblico, allo 'Juventus Stadium', contro il Palermo reduce dalla vittoria interna sul Cesena. Il tecnico bianconero Massimiliano Allegri, nella consueta conferenza stampa della vigilia, fa il punto sulle ultime news Juventus e presenta l'incontro. 

CHAMPIONS - "Siamo stati criticati troppo ed ingiustamente. Abbiamo sbagliato solo il primo tempo di Atene, poi abbiamo avuto tante occasioni e preso gol su una ripartenza. Abbiamo tutte le possibilità per passare il turno e la matematica non esclude la possibilità di arrivare primi. In campionato stiamo facendo bene, sappiamo che in Europa non è uguale e noi abbiamo peccato concedendo quelle poche occasioni".

CAMPIONATO - "Abbiamo fatto sei vittorie e un pareggio. Noi cerchiamo di vincere sempre, ma è vero che a Sassuolo il migliore è stato il loro portiere. Invece a Bergamo, Buffon para il rigore e vinciamo. Magari senza quella parata sarebbe successo il contrario. Il campionato è duro, la Roma è l'antagonista principale nonostante la partita strana con il Bayern. Difficilmente succederà una cosa così al ritorno. Non accetto le critiche furiose dopo Atene, non è tutto da buttare. Nelle prime cinque partite di campionato non abbiamo subito neanche tiri in porta. Contano i risultati ed i risultati dicono che siamo primi con statistiche importanti. Bisogna migliorare la fase realizzativa".

CONTE - "Il passato è storia. Ha fatto grandi cose per tre anni con la società, ma ora bisogna guardare avanti. Non possiamo pensare sempre al passato".

CALCIOPOLI - "Se ne è parlato abbastanza. Io sono l'allenatore e parlo solo di cose di campo".

PIRLO - "Ha bisogno di giocare e deve tornare al massimo. E' unico nel suo ruolo. Giocando ritroverà tempi di gioco e velocità d'azione che sono fondamentali per la squadra".

MORATA - "Sono molto contento per la sua buona prestazione in Champions. Non mi sento in obbligo di farlo giocare, io devo valutare in base alle partite e pensare a ciò che è meglio per la squadra. Le sue qualità non sono in dubbio. Ha lavorato bene anche ieri. Devo decidere se far giocare lui o Llorente che ha sempre lavorato bene per la squadra. Senza dimenticare Giovinco e Coman".

INFORTUNATI - "Marrone si è aggregato alla squadra e sarà disponibile la prossima settimana. Caceres speriamo di recuperarlo per il ritorno con l'Olympiacos. Dispiace per Evra perché probabilmente avrebbe potuto giocare domani. Barzagli ha avuto qualche problemino e si sono allungati i tempi di recupero. Lichtsteiner all'occorrenza può fare il terzo difensore".

TURNOVER - "Non è prestabilito. Faccio delle valutazioni dopo le partite, vedendo se alcuni giocatori devono recuperare o meno. Nel calcio è difficile fare i conti e decidere così".

PALERMO - "Dobbiamo aver rispetto. Sono diventati più solidi rispetto all'avvio. Dybala sta facendo bene, Vazquez ha buona tecnia e Belotti è un talento di sicuro avvenire. Dovremo giocare a calcio".

MOVIOLA - "Nella partita di Sassuolo ci sono stati solo 43 minuti di gioco effettivo. Si parla tanto di inserire la moviola in campo, ma ci vuole rispetto per i tifosi perché su 90 minuti non si possono giocare solo 45 minuti effettivi, altrimenti torniamo agli anni '60".

POGBA - "Credo che la società abbia investito in un giocatore che sta dimostrando qualità eccezionali. Deve migliorare, gli manca l'ultimo step per diventare un giocatore straordinario. Deve imparare ancora tante cose, come tutti. Ma deve fare in fretta. La società ha fatto un colpo di calciomercato e si è garantita un giocatore importante e di grande futuro che può stare nella Juventus 10 anni, fare grandi cose ed alzare il livello del centrocampo bianconero". 

MARCHISIO - "Ha fatto un avvio di campionato importante giocando anche in una posizione in cui aveva giocato poco. Mercoledì l'ho tenuto fuori perché avevo previsto di fare un cambio durante la partita. Sono molto contento di lui, l'ho sempre stimato anche quando ero al Milan. E' un valore aggiunto".
 




Commenta con Facebook