• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Milan-Fiorentina, Montella: "Inzaghi un genio, ecco perché Gomez sta fallendo"

Milan-Fiorentina, Montella: "Inzaghi un genio, ecco perché Gomez sta fallendo"

Il tecnico viola: "Andiamo a giocare e non partiamo mai pensando al pari"


Vincenzo Montella (Getty Images)
Marco Di Federico

25/10/2014 09:50

FIORENTINA MILAN MONTELLA INZAGHI / MILANO - La Fiorentina sogna il poker dopo le ultime tre vittorie consecutive in casa del Milan. Con Pippo Inzaghi in panchina, però, non sarà semplice: ne è convinto Vincenzo Montella. "Se scomponi il centravanti Inzaghi trovi ben poco di interessante. Non aveva dribbling, non aveva tiro da fuori. Era più scarso rispetto a tanti bomber che hanno avuto la metà del suo successo. - le parole del tecnico a 'La Gazzetta dello Sport' - Però lui nel suo lavoro ci ha messo tenacia, convinzione, rabbia. La grinta ha pagato più del talento. E con le stesse armi diventerà anche un grande allenatore. Ha già avuto qualche idea geniale. Ad esempio, la posizione giusta per Honda. E ora il giapponese è un bel problemino. Però le ultime tre volte a 'San Siro' ha vinto la Fiorentina. Andiamo a giocare e non partiamo mai pensando al pari".

CUADRADO E ROSSI - "Il colombiano si diverte a giocare al calcio. Se cresce farà la differenza in qualsiasi club del mondo. Rossi? Soffro per l'uomo. Ma tornerà. Ne sono sicuro".

GOMEZ - "É sempre stato una stella in mezzo a tante stelle. Nella Fiorentina invece è il numero uno. Mario sente il dovere di stupire. Quando sarà più tranquillo tornerà a fare la differenza".

EUROPA - "A noi della Fiorentina ci dovrebbero ringraziare visto che negli ultimi due anni abbiamo portato tanti punti preziosi alla causa. Inutile nascondere la verità: ci sono delle realtà molto più avanti di noi. Squadre che hanno tanti campioni e alle spalle società ricchissime. Ha ragione Capello: il nostro campionato non ci allena agli impegni europei. All’estero si gioca a doppia velocità".




Commenta con Facebook