• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Il Milan sulla cresta dell'Honda

I CRAQUE DEL MOMENTO - Il Milan sulla cresta dell'Honda

Il giapponese, dopo la doppietta contro il Verona, è capocannoniere con Tevez e Callejon


Honda (Getty Images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

20/10/2014 15:47

I CRAQUE DEL MOMENTO MILAN HONDA / MILANO - Dalle creste all'Honda. Il Milan torna a sentire profumo d'Europa, trascinato da un super Keisuke Honda che, messe da parte le critiche dei suoi primi mesi in rossonero, ha finalmente iniziato a volare. E quel numero '10', ora, sembra pesare sempre meno sulle spalle del giapponese, che con la doppietta nella vittoria per 3-1 sul campo del Verona acciuffa Tevez e Callejon in vetta alla classifica dei capocannonieri di Serie A con 6 reti. Inserimenti, tanta tecnica e punizioni temibili: così l'ex Cska Mosca sta prendendo per mano il 'Diavolo', respingendo al mittente le voci che lo vedevano più come un colpo di marketing che di calciomercato.

Keisuke Honda è nato a Settsu, in Giappone, il 13 giugno 1986. Ha mosso i primi passi da calciatore nel club della sua città, il Settsu Fc, prima di passare nel vivaio del Gamba Osaka e nella formazione della Seyrio High School. Nel 2005 il trasferimento al Nagoya Grampus Eight dove esordì nella Jupiler League e restò fino al 2007, anno del suo arrivo in Europa. A crederci fu il Venlo, formazione olandese che gli assicurò un contratto di due anni durante i quali il giapponese collezionò 74 presenze e 26 gol attirando le attenzioni del Cska Mosca che nel gennaio del 2010 sborsò 6 milioni di euro per assicurarselo. In Russia arrivano l'esordio in Champions, con l'eliminazione ai quarti di finale per mano dell'Inter, e quattro trofei: due coppe di Russia, un campionato ed una supercoppa russa.

127 gare, 29 reti e 28 assist dopo, Honda lo scorso gennaio ha raggiunto a parametro zero il Milan, dove ha esordito nella sconfitta per 4-3 con il Sassuolo del 12 gennaio. In Nazionale si mette in mostra fin dalle giovanili, con l'esordio nell'Under 20 al Mondiale di categoria del 2005. Il debutto nella selezione maggiore, invece, è datato 22 giugno 2008, in occasione della sfida per le qualificazioni al Mondiale 2010 contro il Bahrein. Ha fatto parte delle spedizioni Mondiali in Sudafrica e Brasile ed è stato il miglior giocatore del torneo nella Coppa d'Asia vinta dai nipponici nel 2011.




Commenta con Facebook