• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Fenomeno Honda, disastro Marques

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Fenomeno Honda, disastro Marques

Top e Flop della 7a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Keisuke Honda (Getty Images)
Emiliano Forte

20/10/2014 07:44

PAGELLONE SERIE A SETTIMA GIORNATA HONDA MARQUES / MILANO - Il duello tra Juventus e Roma, dopo la sfida di Torino, è andato avanti per due settimane a colpi di tweet, dichiarazioni al veleno e infinite analisi alla moviola. Finalmente è tornato a parlare il campo, con le due formazioni ancora più rivali visto il solo punto che separa i bianconeri dai giallorossi. Nella vittoriosa gara contro il Chievo, la Roma ha trovato nella classe del suo capitano Totti la chiave giusta per scardinare la difesa avversaria e portare a casa tre punti preziosissimi. Meno brillante la prova della Juventus di Allegri impegnata sul campo di un Sassuolo trascinato da un grande Simone Zaza. I neroverdi con una gara caparbia sono riusciti a strappare il pari ai Campioni d'Italia nonostante un Pogba in vena di prodezze. Ottima la prova del Milan di Inzaghi che trascinato da un Honda sempre più protagonista e decisivo, supera in scioltezza il Verona e si lancia alla caccia del terzo posto. Tra i gialloblu male la difesa ed in particolare Marques, autore di un autogol tanto spettacolare quanto pesante per i suoi, che non riescono a reagire. Nel posticipo finito in parità tra Inter e Napoli: spicca l'efficacia in zona gol di Callejon mentre continua il periodo sfortunato di Vidic, che sembra non abbia ancora metabolizzato il passaggio dalla Premier alla Serie A.

 

TOP

5. Zaza (Sassuolo) - Fin dalle prime battute si capisce che può essere il pericolo numero uno per Buffon e compagni. Punto di riferimento in avanti per i suoi, lotta su ogni pallone e si fionda come un rapace negli spazi cercando di sorprendere il trio Ogbonna-Bonucci-Chiellini. Pregevole il tocco con il quale dopo 13 minuti di gioco spedisce il pallone nel sette per il momentaneo 1-0. Trascinatore. VOTO 7


4.Totti (Roma) - Mette la sua grande classe al servizio della squadra distribuendo palloni mai banali capaci di illuminare di continuo il gioco giallorosso. Chiude i conti già alla mezz'ora quando sigla dagli 11 metri la rete del definitivo 3-0. Monumentale. VOTO 7
                                             

3.Pogba (Juventus) - Giganteggia in mezzo al campo soprattutto nella prima parte di gara dove la mediana neroverde fatica moltissimo ad arginare quel mix esplosivo di esuberanza fisica e tecnica sopraffina che fanno del francese un cliente scomodissimo per chiunque. Impiega 6 minuti per rispondere al vantaggio di Zaza con uno splendido destro indirizzato sul secondo palo sul quale Consigli non può nulla. Poco dopo sfiora addirittura il gol d'antologia: parte in progressione e semina gli avversari uno dietro l'altro fino al 'face to face' con un reattivo Consigli che si concede un gesto altrettanto fenomenale nel salvare il risultato. Gigante. VOTO 7


2.Callejon (Napoli) - Si accende ad intermittenza ma in questo periodo lo spagnolo sotto porta sa essere davvero micidiale. Anche in una serata dove ha faticato a trovare gli spazi giusti per far male ha saputo cogliere le opportunità avute nel finale dove ha colpito per ben due volte prima di destro poi al volo ad incrociare con il sinistro. Con Higuain ancora a digiuno il Napoli di Benitez si tiene a galla grazie ai suoi guizzi. Indomabile. VOTO 7,5


1. Honda (Milan) - Mister Inzaghi stravede per il suo numero 10 che sta dando risposte importanti in questo avvio di stagione soprattutto in zona gol. Con la bella doppietta messa a segno contro il Verona le reti in campionato dell'eclettico attaccante giapponese sono 6, tante quanto quelle messe a segno da Tevez e Callejon. Niente male per uno che fino a pochi mesi fa era visto come un oggetto misterioso poco adatto al calcio nostrano. Mattatore. VOTO 7,5

 

FLOP

5. Vidic (Inter) - Il suo impatto con la Serie A non è stato dei migliori nonostante le premesse ed un curriculum di primissimo livello. Nel posticipo di San Siro contro il Napoli disputa una gara dignitosa ma nel finale si fa sorprendere da una rimessa di Ghoulam agevolando così l'1-0 del Napoli firmato Callejon. Rimandato. VOTO 5


4. Cacciatore (Sampdoria) - É chiamato a fronteggiare un avversario ostico come Ibarbo e cerca di limitarlo come può. La combina grossa nella ripresa quando nel giro di 10 minuti guadagna due gialli con tanto di penalty concesso al Cagliari sul secondo fallo commesso su Ibarbo. Un'ingenuità che costa cara ai blucerchiati costretti a subire la rimonta dei padroni di casa dopo il doppio vantaggio maturato nel primo tempo. Ingenuo. VOTO 5


3. Dainelli (Chievo) - Al cospetto di una Roma spietata in zona gol fa poco o nulla per tenere in piedi il muro difensivo gialloblu che fa acqua da tutte le parti. Dal centrale di Corini ci si aspetterebbe una maggiore capacità di lettura delle situazioni critiche come sul gol di Ljajic dove rinuncia al raddoppio concedendo troppo spazio al tiro dell'attaccante serbo. Imperdonabile la vistosa trattenuta in area su De Rossi che di fatto azzera le già esigue speranze di rimonta dei suoi. Scellerato. VOTO 5


2. Kurtic (Fiorentina) - Spaesato e mai nelle condizioni di vedere con i tempi giusti la giocata in favore dei compagni o di leggere le intenzioni degli avversari. In constante difficoltà per tutto il primo tempo viene lasciato negli spogliatoi da Montella senza troppi rimpianti. Fantasma. VOTO 5


1. Marques (Verona) - Nel corso del 21esimo minuto si rende protagonista di un clamoroso autogol che spiana la strada ai rossoneri e azzera le certezze dell'11 di Mandorlini. Un autorete che nasce dal tentativo di rinviare col sinistro un cross di Abate ma la palla svirgolata va a finire nell'angolino alla sinistra del portiere gialloblu. Un episodio dal quale Marques e i compagni di reparto hanno faticato a riprendersi come dimostrano le praterie concesse agli avversari ed in particolare ad Honda abile a farsi trovare al posto giusto e far male in zona gol. Sciagurato. VOTO 4,5




Commenta con Facebook