• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > In evidenza > Verona-Milan, Inzaghi: "Orgoglioso dei ragazzi. Honda è l'attaccante che volevo"

Verona-Milan, Inzaghi: "Orgoglioso dei ragazzi. Honda è l'attaccante che volevo"

L'allenatore rossonero ha parlato dopo la vittoria sul Verona


Inzaghi (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

19/10/2014 17:26

CALCIO SERIE A VERONA MILAN INZAGHI / VERONA- E' un Filippo Inzaghi molto soddisfatto quello che si presenta ai microfoni di 'Sky Sport' dopo il 3-1 rifilato dal suo Milan al Verona. Queste le parole del tecnico rossonero: "Siamo molto felici, oggi è arrivata una grande dimostrazione. Avevamo fuori giocatori importanti. Negli spogliatoi ho fatto i complimenti ad Essien che ha fatto una grande partita. Sono un po' arrabbiato perché potvemo non prendere gol per due partite. Abbiati è stato bravo, in questi campi si soffre. Godiamocela ma penso già alla Fiorentina. Due vittorie consecutive sono un bel viatico.

GRUPPO - "Mi rendono orgogliosi di allenarli. Sono sereno, avevamo fatto le cose per bene poi le partite possono prendere pieghe differenti ma non pensavo di andare sul 3-0. Sono stati bravi tutti e sono ottimi ragazzi. Mi stanno dando grandi gioie".

HONDA - "Già i primi d'agosto parlavo di lui. Ottimo giocatore e professionista. Nel 4-3-3 volevo un giocatore mancino e lui ha anche forza fisica e difficilmente sbaglia quando tira".

ATTACCO E DIFESA - "Sappiamo che dobbiamo migliorare, anche se i gol presi come i 4 di Parma sono stati casuali, due su calcio piazzato ad Empoli ed uno a Cesena fatto da noi. La difesa sta facendo bene ma concederemo sempre qualcosa, preferisco un gioco così che ci faccia divertire. Siamo il miglior attacco ed è bello, questa è la mentalità giusta":

EL SHAARAWY - "Quando si hanno 7 attaccanti bisogna stimolare tutti e poi decidere con la mia testa. Oggi avevamo in panchina Niang, Pazzini, Bonaventura e Menez. Stephan si impegna in allenamento e ha fatto una buona partita. Meglio avere abbondanza perché durante la gara i cambi sono fondamentali".

GIOCO OFFENSIVO - "Siamo migliorati nella gestione del pallone ma dobbiamo fare ancora meglio. Sta crescendo autostima e certezza dei ragazzi, che erano venute a mancare. Lo spirito di andare sempre in avanti va bene, ma quando si ha in mano la gara non si può riaprirla. Non possiamo permettercelo".

MENEZ E TORRES - "Tutta la settimana ho sempre questi dubbi, la miglior risposta viene dagli allenamenti. Non devo inventarmi nulla, Menez è una punta ma può giocare anche esterno. Posso cambiare diversi schemi di gioco".

 




Commenta con Facebook