• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie B > Brescia, comunicato UFFICIALE: "Disgustati da accuse a Caracciolo"

Brescia, comunicato UFFICIALE: "Disgustati da accuse a Caracciolo"

Il club lombardo replica al general manager del Modena Antonio Caliendo


Caracciolo © Getty Images

13/10/2014 00:15

BRESCIA COMUNICATO CARACCIOLO CALIENDO MODENA / BRESCIA - Dura polemica tra Brescia e Modena dopo il pareggio venerdì sera: il club lombardo ha risposto con un duro comunicato alle accuse rivolte da Antonio Caliendo, general manager degli emiliani ad Andrea Caracciolo. "In merito alle dichiarazioni seguenti la partita Modena-Brescia da parte del General Manger della società emiliana Sig. Antonio Caliendo - si legge sulla nota delle 'Rondinelle' - , il Brescia Calcio si dichiara profondamente disgustato dalle valutazioni espresse dallo stesso nei riguardi del proprio tesserato Andrea Caracciolo. Il Sig. Caliendo ha ingiustamente e soprattutto immotivatamente accusato Andrea Caracciolo di essere un calciatore 'che offende i suoi colleghi' nonchè un simulatore e chiesto per lui la squalifica in quanto 'non merita di giocare'".

"Crediamo invece che visti i propri trascorsi personali, il Sig. Caliendo non sia nella condizione migliore per giudicare il comportamento degli avversari del Modena. Non ci dilunghiamo nel sottolineare invece la carriera esemplare di Caracciolo che in 17 anni e 463 presenze tra serie A e serie B è stato espulso solamente in 5 occasioni! Sarebbe invece necessario che il Sig. Caliendo, magari assieme alla Commissione Etica del Modena, invece di aizzare le reazioni delle tifoserie cercando alibi nei comportamenti degli avversari punti il dito sui 'tuffatori' in casa propria. Il Brescia, pur ritenendosi penalizzato da alcune decisioni avverse, non ha mai alzato i toni nè fatto polemica alcuna verso i direttori di gara".

B.D.S.




Commenta con Facebook