• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Notizie > Morte Esposito, la lettera di De Santis: "Se dico tutto scoppia una guerra"

Morte Esposito, la lettera di De Santis: "Se dico tutto scoppia una guerra"

L'ex ultrà giallorosso ha divulgato la lettere inviata ai pm di Roma


Scontri Coppa Italia (Getty Images)

09/10/2014 18:44

MORTE ESPOSITO LETTERA DE SANTIS / ROMA - Una lettera di oltre due pagine per raccontare le sue verità sugli incidenti della finale di Coppa Italia e la morte di Ciro Esposito. L'ex ultrà giallorosso Daniele De Santis ha deciso di divulgare il suo memoriale che due giorni fa aveva inviato ai pm di Roma: "Sono davvero disperato per quello che è successo e mi porto dentro tutto il dolore per la morte di Ciro Esposito. Non volevo uccidere proprio nessuno, però purtroppo alla fine un ragazzo è morto. Voglio dire che è vero, alla fine i colpi li ho esplosi io ma senza mirare. Ero pieno di sangue dappertutto. Mi stavano ammazzando punto e basta. Non ho tirato nessun bombone, solo un fumogeno - le parole riportate da 'sportmediaset.it' - Sono uscito dalla Boreale, dove vivo, per chiudere il cancello perché si sentiva un casino e dentro stavano giocando i ragazzi. Quando sono uscito ho solo raccolto un fumogeno che stava per terra e l'ho tirato e ho strillato al conducente del pullman di levarsi da là quando ho visto che c'erano già casini. Hanno detto che volevo aggredire donne e bambini, mai fatto in vita mia. Mi stanno mettendo contro un'intera città come una guerra. La verità sta uscendo da sola e spero continuerà così. I medici mi hanno detto che rimarrò zoppo ma soprattutto ho paura per me e per i miei familiari. Dicono che le coltellate me le sono fatte tramite i servizi segreti. Tutte le parole su quello che è accaduto realmente alimenterebbero un clima di odio e scatenerebbero qualche altro pazzo, visto che mi hanno messo contro una città intera come se fosse una guerra. Ma per fortuna la verità sta emergendo da sola".

L.P.




Commenta con Facebook