• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Veron: "Juventus favorita grazie a Tevez, quanta passione Moratti"

Serie A, Veron: "Juventus favorita grazie a Tevez, quanta passione Moratti"

L'ex centrocampista argentino è il nuovo presidente dell'Estudiantes di La Plata


Juan Sebastian Veron (Getty Images)

09/10/2014 08:34

ESTUDIANTES MANCINI VERON JUVENTUS TEVEZ / MILANO - Appesi gli scarpini al chiodo dopo una straordinaria carriera, che lo ha visto giocare in Italia con Sampdoria, Parma, Lazio ed Inter, sabato scorso Juan Sebastian Veron è stato eletto presidente dell'Estudiantes di La Plata, il club con cui l'argentino ha vinto la Coppa Libertadores. Ma non dimentica il calcio italiano. "Da ragazzo mi svegliavo presto domenica perché la tv argentina dava una partita della Serie A - dice l'argentino a 'La Gazzetta dello Sport' -. Era quasi sempre il Napoli di Maradona, ma ricordo di aver visto anche parecchie gare della Samp: c'era Cerezo, Lombardo che aveva già la pelata, e poi Vialli e Mancini: il telecronista ripeteva sempre quei due nomi. Così, quando al Boca mi dissero che la Samp mi aveva acquistato, sapevo dove stavo andando. Avevo 21 anni, senza la protezione di un amico come Roberto avrei corso dei rischi. Non tutti maturano in una settimana. Dell'Italia mi sono portato dietro una bella opinione su Moratti, perché era percepibile come nell'Inter non mettesse solo denaro, ma anche passione. Cragnotti e Tanzi non mi avevano dato la sensazione di un legame con Lazio e Parma cresciuto nel tempo. Non ne sto parlando male, quando ho saputo dei loro guai mi è dispiaciuto".

SCUDETTO - "Non ho visto Juve-Roma, ero in aereo per venire qui, e non saprei che dire a proposito delle polemiche sull'arbitraggio. Però penso che la Juventus abbia ancora un filo di margine, e quel filo si chiami Tevez. Da quando è a Torino sembra rifiorito, sta giocando benissimo e sono abbastanza certo che in un futuro vicino tornerà nella Seleccion".

 

M.D.F.




Commenta con Facebook