• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Moratti: "Herrera ha cambiato il calcio, ma sono più 'Mourinhano'"

Inter, Moratti: "Herrera ha cambiato il calcio, ma sono più 'Mourinhano'"

Il presidente onorario nerazzurro torna sul confronto tra i due grandi allenatori interisti


Massimo Moratti © Getty Images

08/10/2014 17:12

INTER MORATTI HERRERA MOURINHO / MILANO - Meglio Helenio Herrera o José Mourinho? Il difficile parallelo storico tra i due grandi allenatori dell'Inter viene riproposto anche al presidente onorario nerazzurro Massimo Moratti che, intervenuto ai microfoni di 'Heroes', racconta: "Le particolarità di Herrera erano la velocità ed il pressing, che a quei tempi non era contemplato. Lui lo introdusse e cambiò il calcio completamente. Mou? Lui non ha cambiato il calcio. Ha un modo diverso di affrontare le partite. Studia l'avversario in un modo incredibile e sa cambiare il gioco a seconda delle necessità. In questo sta il fatto che sia sorprendente e che abbia vinto tanto. Similitudini nel gran lavoro, entrambi grandissimi lavoratori. Poi l'abilità nella comunicazione. Forse sono un po' più pro-Mourinho perché ho vissuto più da vicino la sua Era, perché mi è piaciuto il personaggio e perché ha vinto subito. Grazie anche ad una squadra che aveva appena finito di vincere con Mancini. Ci ho sofferto insieme. Mourinho coinvolgeva molto la squadra anche dal punto di vista psicologico, Herrera era più sergente. Herrera non era così adorato dai giocatori, ma era molto bravo e quindi lo stimavano. L'addio? Si sapeva che Mourinho se ne sarebe andato, non servivano tante parole con lui. L'ultimo periodo lavorava con un'intensità dieci volte superiore per coprire il senso di colpa. L'ho lasciato fare perché sapevo che avrebbe dato di più e perché volevo vincere tutto. Dopo la finale di Champions venne da me e mi disse: 'Ho capito cos'è l'Inter nel calcio italiano, ho visto come la trattano. Perché lei rimane?'. Beh, per me era un po' più difficile".




Commenta con Facebook