• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, Di Vaio: "Nesta il più grande. Vorrei restare nel mondo del calcio"

Lazio, Di Vaio: "Nesta il più grande. Vorrei restare nel mondo del calcio"

L'attaccante, fresco di ritiro, ripercorre le tappe più significative della sua carriera


Marco Di Vaio (Getty Images)

07/10/2014 21:05

LAZIO DI VAIO NESTA CANNAVARO/ ROMA - Da lunedì, giorno in cui ha lasciato il calcio giocato dicendo addio ai Montreal Impact, Marco Di Vaio è un ex giocatore. Una carriera, quella dell'attaccante romano, costellata di gol e di maglie: Lazio, Verona, Bari, Salernitana, Parma, Juventus, Valencia, Monaco, Genoa, Bologna e, appunto, quella dei canadesi del Montreal Impact. Ai microfoni di 'gianlucadimarzio.com', Di Vaio ha riavvolto il nastro della sua vita calcistica: "In questo momento sono in un frullatore, vivo stati d'animo multipli, sono felice perché torno a casa dalla mia famiglia, e preoccupato perché finisce il mio sogno di fare il calciatore. Non so cosa mi riserverà il futuro ma sicuramente vorrei restare nel mondo del calcio".

LE SQUADRE - "La Lazio è casa mia, la squadra con cui ho iniziato il sogno - ha rivelato Di Vaio - la Salernitana invece un ambiente unico e incredibile. Alla Juventus ho avuto la grande possibilità di confrontarmi con tanti campioni. A Parma il primo vero impatto con grandissimi calciatori e la scuola dove ho imparato che bisogna sempre lavorare sodo. A Valencia credevo di decollare ed è stato invece un periodo difficile dove ho perso fiducia. Il Bologna è stata la mia rinascita, sono tornato al top dopo un momento difficile e per questo dico che sono stati i quattro anni più belli. Ho i brividi ancora oggi ripensando alla doppietta contro la Juventus, quando il Bologna tornò a vincere a Torino dopo 35 anni".

COMPAGNI E RIVALI - "I più forti giocatori che ho visto durante la mia carriera? Sono stati Cannavaro, Thuram e Maldini, ma per me il grandissimo resta Alessandro Nesta. Con lui ho iniziato nella Lazio e con lui ho chiuso qui in Canada. Dalla A alla Z insieme, pazzesco".

S.F.




Commenta con Facebook