• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Milan, Maldini: "Inzaghi è bravo, ma questa squadra non può vincere"

Milan, Maldini: "Inzaghi è bravo, ma questa squadra non può vincere"

L'ex capitano dei rossoneri: "Il vero obiettivo di certo non è il campionato, però può entrare in Champions"


Paolo Maldini ©Getty Images
Marco Di Federico

07/10/2014 08:10

CALCIOMERCATO MILAN INZAGHI SCUDETTO CHAMPIONS LEAGUE / MILANO - Paolo Maldini è uscito dal mondo del calcio con la stessa sobrietà con la quale ne ha fatto parte per più di 20 anni, quando è stato protagonista assoluto del Milan più vincente di sempre. Oggi gestisce una tenuta vitivinicola e si occupa della sua famiglia, il Milan lo segue solo da lontano. "Quella rossonera resta una storia fantastica anche senza un ulteriore epilogo. Sono molto legato a Liedholm, che mi fece esordire. Si dice che il grande Milan sia nato con lui in panchina: è assolutamente vero. - le parole dell'ex capitano rossonero a 'La Gazzetta dello Sport' - Questo Milan è un gruppo nuovo con un allenatore nuovo. La realtà è che non sanno ancora quale può essere il vero obiettivo: di certo non il campionato, però credo possano entrare nella lotta Champions. Senza soldi la gestione è complicata. Ma il calciomercato dice che il club ha programmato poco. Occorre mettere a fuoco l'obiettivo: se è vincere, allora non è stato fatto abbastanza. Questa non è una squadra costruita per vincere".

FUTURO - "Ci sono stati dei contatti, poi non ho più sentito nessuno. Se mi chiamassero, ne parlerei volentieri, ma non sono io che cerco loro. E non è scritto da nessuna parte che debba lavorare al Milan. Se capiterà, bene, altrimenti va bene lo stesso. Per adesso non c’è nulla che mi faccia tornare sui miei passi. Un pensierino alla panchina? No, non mi intriga".

INZAGHI - "Se è arrivato dov'è, significa che è bravo. La gavetta non è indispensabile, io ho avuto diversi compagni che erano già potenziali allenatori. Lui era uno di quelli che pensavo ce l'avrebbe fatta".

CONTE - "Scelta azzeccata. É pieno di energie, ha idee, è il migliore c.t. possibile".




Commenta con Facebook