• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Il punto di CM.IT > TOP & FLOP CM.IT: dal violino di Garcia al 'malcostume' italiano dello 'Juventus Stadium'

TOP & FLOP CM.IT: dal violino di Garcia al 'malcostume' italiano dello 'Juventus Stadium'

Il meglio e il peggio della Serie A nel nostro editoriale del lunedì


Il violino di Garcia (Sky)
Eleonora Trotta @elenora_trotta, direttore Calciomercato.it

06/10/2014 13:30

TOP E FLOP CM.IT / ROMA - Tre top e tre flop per fotografare la giornata di campionato appena conclusa. Al termine di ogni turno di Serie A, Calciomercato.it dedicherà un editoriale al calcio nostrano che si soffermerà sugli episodi del campo, ma anche e soprattutto su quelli di colore, fuori dal rettangolo di gioco, meritevoli di un approfondimento e di un commento.

TOP

IL VIOLINO DI GARCIA ("E' sempre la stessa musica") -  Con eleganza e classe il tecnico giallorosso ha 'suonato' il violino in panchina dopo il primo rigore assegnato alla Juventus da Rocchi. Un gesto alla 'Gila' paragonato alle famose 'manette' di Mourinho, in linea con lo stile del tecnico francese mostrato anche nel caldissimo post-partita televisivo: l'ennesima prova che senza urlare, sbraitare, si può mostrare ancora più con efficacia il proprio dissenso.

LA SAMPDORIA SALTELLA - Ferrero esulta e saltella. Ha ragione: la sua Sampdoria è 'La rivelazione di questo campionato' con diversi giovani confermati e lanciati. Gabbiadini, Romagnoli ed Okaka sono, infatti, altre tre magie su punizione di Mihajlovic, bravo in estate ad opporsi alla 'suggestione' Cassano. Un ritorno di 'FantAntonio' avrebbe forse intaccato il perfetto funzionamento della macchina doriana.

CUADRADO E MONTELLA - Non era facile ritrovare gli stimoli dopo un'estate da 'protagonista' del mercato. E' stato bravo Montella, è stato intelligente Cuadrado e la partita di ieri contro l'Inter certifica ancor di più l'ottimo lavoro tecnico/giocatore sotto il profilo motivazionale. Ora, spetta ai Della Valle vincere la partita più importante: quella sulla scrivania per il rinnovo del contratto del colombiano.
 

FLOP

ROCCHI - Non entriamo nel merito delle decisioni arbitrali già approfondite e sviscerate nella nostra moviola. A prescindere dai suoi errori, sviste e gaffe c'è da fare una riflessione: un arbitro con così poco polso e personalità, non avrebbe mai dovuto dirigere il match più atteso del nostro 'povero' campionato.

#MAZZARRIVATTENE - Un'altra prestazione negativa, un altro post partita (davanti ai microfoni) poco convincente e un #mazzarrivattene sempre più tendenza su 'Twitter'. Un tormentone mai terminato, già 'riscaldato' dopo le parole pre-partita di Mazzarri ("Alcuni tifosi si sono fatti influenzare dalla stampa"). Un vero boomerang dopo la pessima prova dei nerazzurri al 'Franchi'.

LO JUVENTUS STADIUM E IL MALCOSTUME ITALIANO - E' stato sempre descritto e raccontato come un impianto innovativo, funzionale e moderno in linea con gli stadi inglesi e tedeschi. Ma c'è un errore di base: all'estero vince un'altra cultura, un rispetto per il gioco e gli avversari evidentemente non replicabile nei nostri confini. Ne sanno qualcosa De Rossi, Ljajic e tanti altri tesserati della Roma, insultati per tutta la gara da una parte dei tifosi bianconeri che condividevano con loro lo spazio sugli spalti. Anche l'avveniristico stadio torinese quindi, non fa eccezione riguardo questo malcostume tipicamente italiano.




Commenta con Facebook