• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Football Killed Tancredi > Juventus-Roma: i voti di Tancredi Palmeri

Juventus-Roma: i voti di Tancredi Palmeri

Il nostro inviato ha stilato promossi e bocciati della partita dello Juventus Stadium


Juventus-Roma (Getty Images)
dall'inviato Tancredi Palmeri

05/10/2014 20:16

JUVENTUS ROMA VOTI TANCREDI PALMERI / TORINO - Juventus-Roma sarà la partita più discussa per tanto, tanto tempo. Il nostro inviato e protagonista della rubrica 'Te Lo Do Io Il Campionato', Tancredi Palmeri, ha stilato voti e giudizi dei calciatori in campo, esprimendosi anche sugli allenatori e sull'arbitro Rocchi.

JUVENTUS

Buffon 6: in verità non è che abbia veramente occasione per mettersi in mostra.

Caceres 5: ubriacato da Gervinho, insicuro in generale, come non gli capitava da molto tempo. Dal 46' Ogbonna 6: entra quando la partita rallenta il ritmo, ma lui è bravo a dare quello che gli si chiede.

Bonucci 6: col gol pazzesco bilancia l'unica volta che viene attaccato in velocità in cui va totalmente in barca.

Chiellini 6: lui invece riesce a tenere discretamente a bada le frecce, quando nelle previsioni sembrava quello destinato a soffrire.

Lichtsteiner 5: rigore puerile su Totti, ha la responsabilità di tendere la mano alla Roma sull'orlo del precipizio.

Marchisio 6.5: buon pressing, anche qualche incursione, bravo ad alzare velocemente il baricentro.

Pirlo 6.5: gli lasciano metri e lui se li prende, magari non costante nel lancio ad aprire il campo, ma la Juve non gioca moltissimi palloni. Dal 79' Vidal 6: il suo se lo guadagna oscurando la visuale di Skorupski sul gol di Bonucci. Non è fatto apposta, ma intanto è decisivo.

Pogba 6.5: bene nelle incursioni, non molte ma dolorose, ma in fase di copertura non recupera come dovrebbe.

Asamoah 5.5: deve stare basso per non irretire Maicon, ma anche lui alla lunga perde lucidità sulle chiusure.

Tevez 8: i due gol sono l'accessorio. Il giocatore più decisivo del campionato contro la rivale più forte del campionato. Marotta si sveglia ogni lunedì alle 3.00 di notte per dire alla moglie: "L'ho preso a 9 milioni!".

Llorente 6: bravissimo nel portare pressing alto, un po' meno reattivo nelle veloci transizioni, ma è una partita complicata per lui. Dal 59' Morata 6: Fornisce la frustata che gli chiede Allegri, che però diventa una tranvata quando si fa coinvolgere nell'espulsione.

Allenatore. Allegri 6.5: approccio duro, non lascia scampo con il pressing, e non lascia inutili spazi. Però quando il panico comincia a diffondersi per i vari episodi, non riesce a registrare la fase difensiva. Buona personalità nel Secondo Tempo.


ROMA

Skorupski 6: sui gol non può nulla, in fondo non sbaglia nulla, anche se con il pallone tra i piedi regala sempre un fremito.

Maicon 5.5: un paio di volte pericoloso, ma per il resto si fa più notare per le sbavature in difesa.

Manolas 6: soffre solo con Morata, per il resto ha preso in mano l'eredità di Benatia senza incertezze, anche se la reazione sul fallo di Morata è troppo ingenua.

Yanga-Mbiwa 6.5:  è prezioso ad aiutare quando c'è bisogno, forse meno vistoso di altri ma davvero utile.

Cholevas 6: tiene discretamente la posizione, e in fondo non lascia che nessuno possa farsi venire l'acquolina vedendo spazi.

Pjanic 5: la delusione maggiore: poche geometrie e poco movimento, non si contano le volte che Keita agita le braccia chiedendo mobilità, e al centro è lui che deve darla. Dall'85' Paredes 5.5: è vero che gioca solo gli ultimi 5', ma se un allenatore ti mette a 5 dalla fine in una partita del genere è perché vuole vedere che tu sia già pronto – e lui non lo è.

Keita 7: De Rossi recupera in tranquillità. Una personalità infrangibile, come il suo petto che più di una volta intercetta palloni. Si prende responsabilità come un vitellino si nutre dalla mammella.

Nainggolan 5.5: impreciso e poco brillante, non ci sono varchi per le incursioni probabilmente, ma lui fa poco per aprirli.

Gervinho 7.5: il tempo di capire quanto la partita sia diversa, e poi è la bacchetta della maestra antipatica che picchia sulle dita del marcatore di turno ogni qualvolta questi faccia mezza sbavatura.

Totti 5.5: in debito d'ossigeno, semplicemente è un'utopia sperare che possa giocare nel giro di 4 giorni un'altra partita così intensa dopo quella con il City. Dal 75' Destro 5.5: sicuramente non è facile l'ultimo tratto di gara da giocare per un attaccante, però lui qualcosa in più potrebbe farla.

Iturbe 6.5: il gol è la cosa più bella e libera la sua partita, però la Roma già concede Totti in fase difensiva, lui invece non si può prendere il lusso di starsene sù ad aspettare. Dal 66' Florenzi 6: è uno dei pochi, insieme a Gervinho, a cui rimane birra nel finale. Del resto gioca soltanto 24 minuti. Però non è troppo assistito.

Allenatore. Garcia 5.5: comincia molto prevedibile, poi sa domare bene le il dorso della partita impazzita. Mezzo voto in meno perché a rigor di regolamento l'espulsione è giusta, e un comandante non deve abbandonarsi a una situazione simile.


Arbitro. Rocchi 5: il voto è la media tra il 6 per le decisioni singole e il 4 per la condotta di gara. Il primo rigore si può dare, questione di 2 centimetri fuori o dentro l'area il tocco di Maicon. Giusto quello su Totti. Per quello su Pogba, stesso discorso: per 2 centimetri è fuori o dentro (certo i romanisti protestano: nel dubbio è sempre a favore della Juve?). Sul gol di Bonucci invece ci sarebbe fuorigioco influente di Vidal di un bel poì, e là non ci siamo. Ma tra espulsioni, reazioni, incapacità di controllo, esagitazione, è tutta la condotta di gara che è una pistola carica puntata nella propria bocca. Ora: lo sappiamo che non appena ce n'è possibilità, va sempre in onda il Rocchi Horror Picture Show nelle partite importanti. Figuratevi, questa era Juventus-Roma. Dico: Juventus-Roma. Dunque la domanda è solo una: signor designatore Messina, solo lei non ne è al corrente?




Commenta con Facebook