• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI INTER-QARABAG

PAGELLE E TABELLINO DI INTER-QARABAG

D’Ambrosio affonda un Gurbanov d’argilla. Nagatomo sbatte su Agolli


Danilo D
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

02/10/2014 23:08

ECCO LE PAGELLE DI INTER-QARABAG

 

INTER

Carrizo 6 – Come era prevedibile il Qarabag lo costringe a fare lo spettatore. Non viene chiamato a particolari interventi, ma si dimostra attento nelle situazioni di ordinaria amministrazione.

Andreolli 5,5 – Disattento. Nei primi minuti con una sciagurata rimessa laterale per poco non permette a Reynaldo di portare in vantaggio il Qarabag. Soffre su quel lato la verve di Agolli e Muarem.

Ranocchia 6,5 – Il capitano dell’Inter è molto attento in marcatura. Comanda bene la propria linea difensiva e imposta la manovra nerazzurra dalle retrovie.

Juan Jesus 6,5 – Reynaldo è un cliente complicato da tenere. Lui però, nonostante la notevole differenza di passo con l’attaccante brasiliano, riesce comunque a trovare sempre il momento giusto per intervenire. Sbroglia tante situazioni complicate.

Nagatomo 5 – Sulla sua pelle sono ancora ben visibili le scorie della disastrosa partita contro il Cagliari. Mostra poco coraggio, non prova mai il dribbling e in fase passiva si fa sopraffare spesso da Agolli.

M’Vila 6 – Tiene bene la posizione e sceglie sempre il momento giusto per affondare il tackle. Recupera tanti palloni e fa ripartire l’Inter con semplici appoggi corti senza mai tentare il lancio trascendentale.

Hernanes 5,5 – Si pesta un po’ i piedi con Guarin. Tenta in molte azioni l’inserimento, ma gli manca sempre qualcosa nell’ultimo tocco. Prestazione poco brillante. Dal 72’ Obi 6,5 – Entra col piglio giusto. Cerca di mettersi in luce e regala ai compagni diversi palloni interessanti.

Kuzmanovic 6 – È molto aggressivo sin dai primi minuti, recupera qualche buon pallone. Purtroppo per lui i suoi piedi non sono certo di velluto e si vede. Dal 59’ Medel 6 – Entra e dà una mano alla difesa con il suo carisma. È un mastino sempre pronto a mordere le caviglie avversarie.

D’Ambrosio 7 – Difende con diligenza e quando può, spinge con raziocinio. È lui a sbloccare il match con un destro micidiale che si va a stampare sotto la traversa. Brucia quella fascia a furia di sgroppate.

Guarin 5Un po’ centrocampista, un po’ attaccante. Fa da legante tra i due reparti e spesso si va a prendere palla molto basso. Prova di frequente la soluzione dalla distanza, ma quasi sempre la misura è sballata. Inconcludente. Dal 63’ Osvaldo 6 – Non riesce a trovare il gol, ma mette in scene diverse giocate di qualità e strappa qualche applauso ai tifosi accorsi a San Siro.

Icardi 5,5 – Nel primo tempo è completamente avulso dal gioco intersita. Tocca pochissimi palloni e sembra soffrire il non avere di fianco un altro attaccante con cui dialogare. Nella ripresa cresce leggermente e va anche vicino al gol con una bomba dalla distanza. Nel finale trova finalmente la rete, ma nel complesso la sua prestazione resta sottotono.

All. Mazzarri 6,5 – La sua Inter continua a non convincere. I nerazzurri portano a casa l’ennesimo risultato positivo in Europa. Ma denotano una certa stanchezza unita ad una fragilità psicologica figlia dell’ultima brutta sconfitta in casa contro il Cagliari.

 

QARABAG

 

Sehic 6 – Nel primo tempo con un’uscita poco ortodossa per poco non regala all’Inter un gol. Si riscatta nella ripresa con una bella parata su un missile di Icardi.

Gurbanov 5 – Soffre tanto la verve di D’Ambrosio. In occasione della rete del terzino caivanese è completamente fuori posizione. Da quel lato l’Inter sfonda con una facilità disarmante. Dal 68’ Sadigov 5,5 – Come il compagno che sostituisce, anche lui soffre maledettamente D’Ambrosio.

Teli 6 – Tiene bene Guarin e lo costringe sempre a girare largo. Gioca un buon match e risolve diverse situazioni complicate.

Huseynov 5,5 – Riesce a contenere bene Icardi per tutta la partita. Nel finale però la stanchezza gli gioca un brutto scherzo e si perde un paio di volte l’ex Samp, che alla fine trova la rete del raddoppio.

Agolli 6,5 Sulla sinistra è molto propositivo, tiene bene Nagatomo e fa ripartire i suoi da quel lato. Sfrutta la fragilità psicologica del terzino giapponese e fa un figurone questa notte a San Siro.

Qarayev 5,5 – Non riesce a fare filtro a centrocampo e soffre la maggiore qualità dei centrocampisti nerazzurri. Prova timidamente a dare geometrie ai cavalieri, ma i risultati sono scarsi.

Yusifov 5 – Soffre la prestanza fisica di M’vila con cui perde quasi tutti i contrasti.  Non riesce a dare le giuste geometrie ai cavalieri. Dal 55’ Nadirov 5,5 – Prova a dare verve al gioco dei bianconeri, ma alla fine non riesce ad incidere sul match.

George 5,5 – Nei primi minuti prova ad andare in appoggio a Reynaldo. Poi col passare dei minuti, viste le difficoltà difensive di Gurbanov, decide di restare più basso per raddoppiare la marcatura a D’Ambrosio. Dal 62’ Tagiyev 6 – Riesce a dare maggiore sostanza da quel lato e il Qarabag col suo ingresso soffre di meno.

R. Almeida 5,5 – Parte bene, un po’ come tutto il Qarabag. Col passare dei minuti però si eclissa e non riesce più a trovare la giocata illuminante.

Muarem 5,5 – Uomo di qualità dei bianconeri. Si posiziona sul centro sinistra e sfrutta la poca attenzione difensiva di Hernanes per mettere scompiglio nella difesa nerazzurra. Cala con lo scorrere del tempo.

Reynaldo 6,5 – Unico terminale offensivo della squadra azera. Svaria molto su tutto il fronte d’attacco e nei primi minuti prova a ritagliarsi qualche occasione da gol. Nel finale del primo tempo si costruisce da solo l’unica occasione da gol del Qarabag.

All. Gurbanov 6 – Il Qarabag non è di certo il Barcellona, ma comunque ha provato a giocarsela alla pari con l’Inter, senza fare nessuna figuraccia. Buona partita per i cavalieri che hanno affrontato i nerazzurri a viso aperto senza fare alcun tipo di ostracismo.   

Arbitro Kulbakov 6,5 – Partita facile da dirigere per lui. Nessun episodio particolare da segnalare. Regolari i due gol nerazzurri. Giusta anche la gestione dei cartellini.

 

TABELLINO

 

INTER-QARABAG 2-0

INTER (3-5-1-1): Carrizo; Andreolli, Ranocchia, Juan Jesus; Nagatomo, M'Vila, Hernanes(dal 72’ Obi), Kuzmanovic(dal 59’ Medel), D'Ambrosio; Guarin(dal 63’ Osvaldo); Icardi. Handanovic, Vidic, Medel, Obi, Osvaldo, Palacio, Mbaye. All. Mazzarri

QARABAG (4-2-3-1): Sehic; Gurbanov(dal 68’ Sadigov), Teli, Huseynov, Agolli; Qarayev, Yusifov(dal 55’ Nadirov); George(dal 62’ Tagiyev), R. Almeida, Muarem; Reynaldo. Veliyev, Sadigov, Alasgarov, Tagiyev, Ahmadov, Aliyev, Nadirov. All. Gurbanov

Arbitro: Aleksei Kulbakov

Marcatori: 18’ D’Ambrosio (I), 85’ Icardi (I)

Ammoniti: 80’ Juan Jesus (I), 84’ Medel (I), 95’ Muarem (Q)

Espulsi:




Commenta con Facebook