• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Sicurezza Stadi, Abodi risponde a Renzi: "Meno demagogia e più confronto"

Sicurezza Stadi, Abodi risponde a Renzi: "Meno demagogia e più confronto"

Il presidente della Lega Serie B ha risposto al premier


Andrea Abodi (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

02/10/2014 16:38

CALCIO SICUREZZA STADI ABODI RENZI / ROMA- Andrea Abodi, presidente della Lega Serie B, non ha apprezzato la proposta del premier Matteo Renzi sul pagamento da parte dei club degli straordinari alla Forze dell'Ordine in servizio agli eventi sportivi. Questa la nota pubblicata sul sito ufficiale della Lega Serie B: "In un paese civile quando si vuole migliorare un servizio o affrontare un problema le parti si incontrano e trovano situazionia adeguate, concrete e sostenibili e chi deve decidere decide. Il Premier Renzi evidentemente non condivide questo metodo e forse, per distrarre da altri problemi, ha manifestato la volontà di imporre ai club il pagamento, di fatto, di una ennesima tassa questa volta sui cosidddetti straordinari alle Forze dell'Ordine in occasione delle partite". Abodi poi chiede al Premier quali siano i diritti dei tifosi che pagano le tasse e di fare chiarezza sull'impatto delle legislazioni nazionali sulle attività delle società e delle opportunità quali-quantitative di servizi ai quali hanno accesso i club dei principali paesi. Abodi conclude: "Nei momenti di difficoltà le distanze tra problemi e soluzioni si colmano non salendo sul treno della demagogia ma con il metodo di lavoro, il confronto tecnico, e il rispetto reciproco, tanto più per prendere decisioni giuste in temi delicati come quello della sicurezza nelle manifestazioni sportive".




Commenta con Facebook