• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Gentile: "La Roma mi ha cercato a lungo. E su Maradona e Zico..."

Juventus, Gentile: "La Roma mi ha cercato a lungo. E su Maradona e Zico..."

L'ex difensore bianconero e della Nazionale ha rilasciato una interessante intervista


Gentile e Zico (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

02/10/2014 16:15

CALCIO ITALIA JUVENTUS GENTILE ROMA MARADONA / ROMA- Claudio Gentile è stato senza dubbio uno dei difensori migliori venuti fuori dalla florida scuola italiana. Leggendarie le sue vittorie con la maglia della Juventus e della Nazionale azzurra, con cui si è laureato campione del Mondo nel 1982. L'ex stopper ha rilasciato un'intervista a 'La tribù del calcio'. Queste le sue parole: "L'attaccante più difficile da marcare non è stato Maradona e nemmeno Zico ma Gian Paolo Galuppi del Vicenza. Me lo trovai davanti in un Vicenza-Juventus e non vidi mai la palla. Magari se avessi avuto le sue videocassette..".

MARADONA - "Prima di Italia-Argentina, Bearzot entrò in camera e mi chiese di se me la sentissi di marcare Maradona. Pensavo che scherzasse e gli risposi positivamente e con disinvoltura. Il mister mi disse allora ch era mio e io subito mi diedi del cretino. Per due notti studiai le sue videocassette per cercare pregi e punti deboli. Chiesi a Bearzot di dormire da solo perché con Tardelli era impossibile dormire".

ZICO - "Anche con Zico i duelli furono leggendari, come quando gli strappai la maglia in un tackle acceso. Con Maradona non capitò ma c'è una spiegazione: i brasiliani avevano una maglia a nido d'ape grossissimo, un pezzo me lo sono portato a casa".

JUVENTUS E ROMA - "Sono mai stato vicino all'addio alla Juventus? Un giorno ero all'aeroporto con la Juventus e vidi il presidente della Roma Dino Viola nascosto in un cespuglio. Mi continuava a dire di firmare per la Roma ma la cosa non andò a buon fine".




Commenta con Facebook