• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altro > Serie D, Bonazzoli choc: squalificato 10 giornate per razzismo

Serie D, Bonazzoli choc: squalificato 10 giornate per razzismo

L'ex attaccante di Reggina, Sampdoria e Parma protagonista di un episodio controverso



02/10/2014 10:10

SERIE D BONAZZOLI CHOC SQUALIFICA DI 10 GIORNATE PER RAZZISMO / MILANO - Il nome di Emiliano Bonazzoli - attaccante ex, tra le altre, di Reggina, Sampdoria e Parma - è tornato alla ribalta delle cronache nelle ultime ore, ma non per motivi legati alle sue prestazioni in campo: l'esperto giocatore, ora all'Este in Serie D, è stato squalificato per 10 giornate "per avere, al termine della gara, rivolto espressioni discriminatorie per ragioni di razza, nazionalità e colore della pelle all’indirizzo del direttore di gara".

L’evento scatenante è arrivato al termine della partita, quando l’arbitro ha fischiato la fine impedendo all’Este di effettuare una rimessa laterale in fase offensiva. L’attaccante - scrive 'La Gazzetta dello Sport' - avrebbe apostrofato l’arbitro Ibrahim Kamal Jouness Ramy, nato a Torino 28 anni fa ma di origini marocchine, con un 'Vai a c... pezzo di m...'. Il direttore di gara, lontano dal giocatore ma avvertito da un guardalinee, ha estratto il cartellino rosso.

Con ogni probabilità, è la prima volta che un calciatore viene espulso per insulti a un arbitro di colore. Bonazzoli non ha voluto rilasciare dichiarazioni e si è affidato all’avvocato Grassani per studiare una strategia difensiva. Renzo Lucchiari, presidente dell’Este, ne ha preso le parti: "In 18 anni Emiliano ha raccolto solo due squalifiche. È un ragazzo serio, umile, preparato e di esempio per tutti i giovani. Domani (oggi, n.d.r.) presenteremo ricorso, e poi si vedrà".

 

S.D.

 




Commenta con Facebook