• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Cesena-Milan, Inzaghi: "Meritavamo la vittoria. Juve e Roma di un altro livello"

Cesena-Milan, Inzaghi: "Meritavamo la vittoria. Juve e Roma di un altro livello"

L'allenatore rossonero è convinto di poter fare un ottimo campionato


Pippo Inzaghi (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

28/09/2014 17:08

CALCIO SERIE A CESENA MILAN INZAGHI / CESENA- E' un Filippo Inzaghi determinato quello che si presenta ai microfoni di 'Sky Sport' dopo il pareggio del suo Milan sul campo del Cesena. Queste le dichiarazioni:  "Purtroppo avevamo in mano la partita e dovevamo riuscire a far gol. Siamo stati bravi e abbiamo fatto quello che avevamo preparato. Nella ripresa ci siamo allungati e in dieci con questo caldo è difficile vincerla. Dispiace perché avremmo meritato di fare anche il secondo gol. Gol di Succi in fuorigioco? E' difficile fare il guardalinee. Non posso dire nulla alla squadra, ce l'abbiamo messa tutta. Leali ha fatto grandi parate. Sarebbe stata una vittoria importante visti il pareggio di Fiorentina e la sconfitta dell'Inter. Il campionato è lungo e siamo lì, dobbiamo continuare a crescere. Abbiamo comunque una buona media, trasferte ad Empoli e Cesena sembrano facili ma non lo sono. Speriamo nei 3 punti col Chievo".

TORRES - "Non gioca da tempo e ha avuto un infortunio, sapevo che poteva avere sessanta minuti e ho cercato di usare forze fresche con Pazzini".

PARTENZA - "Sono positivo e speravo facessimo buoni risultati per avere le condizioni giuste"

OBIETTIVO - "Devo guardare alla crescita. Lo stiamo facendo, abbiamo lo spirito giusto e un buon gioco. Io penso che Juventus e Roma siano un gradino sopra a tutti, ma con le altre ce la possiamo giocare. Siamo partiti da un ottavo posto e da difficoltà. Dobbiamo crescere, ma ci vorrà tempo e lavoro. Siamo tranquilli".

BERLUSCONI E IL GIOCO - "Lui porta entusiasmo e oggi sarà contento per il calcio offensivo mostrato. Preso un gol strano e in questi campi è difficile rimontare".




Commenta con Facebook