• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-PALERMO

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-PALERMO

Belotti e Vazquez incantano. Disastro Ghoulam


Andrea Belotti (Getty Images)
Antonio Papa (@antoniopapapapa)

24/09/2014 23:00

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-PALERMO / NAPOLI - Azzurri con la solita coperta corta, stavolta a fare flop è la difesa con Ghoulam peggiore in campo. Bene invece il reparto avanzato con un ottimo Duvan. Nel Palermo rivelazione Belotti, splendida la prima linea di un Iachini scatenato: da sottolineare anche la prova superlativa di Andelkovic in difesa. 

 
NAPOLI 
 
Rafael 5 - Non ci siamo. Ogni sua sortita fra i pali e fuori dai pali trasmette un'insicurezza bestiale a tutto il reparto. Quando si dice che il portiere non è solo parate bisognerebbe mostrare la differenza fra le sue partite e quelle di Pepe Reina. Ma niente paura, sono cose che si possono anche imparare. Forse. 
 
Henrique 5 - Spinta praticamente nulla, anche dietro traballa parecchio. Poi si sveglia Dybala e lo prende in giro, saltandolo come un birillo e servendo Belotti per il 3-3. Se alzano bandiera bianca anche i soldati vuol dire che le cose non vanno per niente bene. 
 
Albiol 5 - Due Mondiali, un Europeo e tante coppe e coppette miste, e poi lo vedi commettere errori da ragazzino della Primavera. Il gol di Vazquez porta anche la sua firma, negli altri due non è esente. Starà sperando che questo momento-no sparisca in fretta. 
 
Koulibaly 5,5 - Quel gol ad inizio partita sembrava la fine di una maledizione, e invece i fantasmi del passato riaffiorano tutti identici, come se non fosse cambiato nulla. A picco con la difesa sui tre gol, soprattutto sull'ultimo dove gran parte della responsabilità è sua. 
 
Ghoulam 4,5 - Morganella gli parte alle spalle che è un piacere. In una delle occasioni va a servire poi Vazquez per il 2-2, poi ad un certo punto prova a regalargli direttamente il pallone, per sua fortuna senza gravi conseguenze. 
 
Gargano 6,5 - Prosegue la contestazione della Curva B nei confronti di "Uragano", che però non fa una grinza. Altra prestazione di grande sostanza e quello scavino per Callejòn che rimette la partita sui binari giusti. 
 
Inler 5,5 - Parte con diversi passaggi sballati, poi si assesta e cerca quanto meno di limitare i danni. Niente di fantastico, comunque fa il suo mestiere.  
 
Callejòn 6,5 - La voglia stasera c'è, si vede da come entra negli spazi appena vede uno spiraglio. A fine primo tempo ecco la palla giusta, un bijoux di Gargano: lo spagnolo raccoglie e scarica in rete con un diagonale rasoterra ad incrociare che ormai è marchio di fabbrica. 
 
Hamsik 6 - Lui più di chiunque altro sente enorme il peso di questa situazione, di quella fascia che è come piombo sul braccio destro, di quel gol che proprio non vuole arrivare, in qualunque modo lo cerchi. Qualche passaggio sballato, qualche conclusione peggio ancora, ma anche qualche ottima trovata che spalanca la porta ai compagni. Sufficienza di incoraggiamento. (Dal 65' De Guzman 5,5 - Non un ingresso che cambia molto. Dai suoi piedi transitano meno palloni del dovuto e spesso si chiudono con un nulla di fatto).
 
Mertens 6 - Con Andelkovic sono botte da orbi, lui prova in tutti i modi a passarlo ma molto difficilmente ci riesce. Sembrava in palla, invece si scontra contro un muro. (Dall'83' Insigne sv)
 
Zapata 6,5 - A Napoli si continua a dire che non è all'altezza di far parte di questa squadra, eppure questo giovane armadio colombiano ogni volta che scende in campo sa rispondere sempre presente. Come oggi, quando il primo pallone buono lo piazza nel sette con un tiro a giro. Le qualità tecniche ci sono, la progressione è devastante; gli mancano un po' i movimenti e la capacità di non eclissarsi di tanto in tanto dal match.  (Dal 70' Higuaìn 5,5 - Venti minuti sono pochi per cambiare la partita, lui comunque dimostra di non essere troppo incisivo quando entra per raddrizzare situazioni complicate).
 
All. Benìtez 5 - E quindi rieccoci con la coperta corta. Quando l'attacco finalmente riesce a finalizzare com'è nelle proprie corde, ecco che la difesa tracolla con errori marchiani e distrazioni fatali. Non si possono prendere tre gol in casa dal Palermo, no, non si possono prendere. E intanto un ruolino che doveva essere di tre punti a partita vede invece una media di un punto, con già otto punti persi per strada. Calendario alla mano è un vero disastro. 
 
 
PALERMO
 
Sorrentino 5,5 - I tre gol non vedono sue colpe specifiche, ma sono pur sempre tre gol sul groppone. 
 
Andelkovic 7 - Mertens è l'uomo più temuto ed è anche in una buona serata. Lo sloveno lo francobolla e, pur soffrendo come un cane, riesce a non farlo passare mai. Di questi tempi è una vera e propria impresa. 
 
Terzi 5,5 - La sua brevissima esperienza al San Paolo non è di quella da raccontare ai nipotini, diciamo così. Prova a guidare una difesa traballante ma si trova di fronte uno Zapata in serata di grazia. 
 
Bamba 5 - E' sul suo lato che il Napoli trova terreno fertile per affondare, e lo fa in continuazione. Un fallo da rigore nettissimo su Zapata non visto dall'arbitro e li gioco a due Gargano-Callejòn per il 3-2 partenopeo sono le istantanee della sua prestazione. 
 
Morganella 7 - Lo svizzero va a tutta birra, stravince il duello con Ghoulam e porta a casa anche un bell'assist a Vazquez, dopo una progressione devastante che lascia sul posto l'algerino. L'uomo in più da quest'altra parte del campo. 
 
Barreto 5,5 - Un pallone elementare perso a metà campo è il preludio al raddoppio del Napoli. Poi combatte come sempre sacrificandosi molto in copertura. (Dal 77' Bolzoni sv)
 
Rigoni 6 - Taglia e cuce, il baricentro della squadra. Iachini quest'estate l'ha richiesto espressamente e non ci vuole un genio a capire perché. 
 
Daprelà 6 - Callejòn non è proprio l'ultimo arrivato, eppure lui riesce a mettergli spesso - non sempre - la museruola. Idem Henrique, che preoccupato dalle sue scorribande non si fa vedere mai dall'altra parte del campo. (Dall'82' Emerson sv)
 
Vazquez 7 - Ancora lui, l'uomo del momento in maglia rosanero. I movimenti sono felpati e pieni di grazia, il fiuto per il gol è da attaccante puro. Al posto giusto nel momento giusto quando deve andare a piazzare il 2-2 che fa tremare il Napoli. E sono tre in quattro partite, niente male. 
 
Dybala 6,5 - Questa posizione più lontana dalla porta lo penalizza un po'. Prende un sacco di botte e raramente riesce mai a mettere in mostra le sue indubbie qualità. Poi la svolta, un attimo prima di lasciare il campo, con quell'azione spettacolare sulla sinistra che regala a Belotti il pallone del terzo pareggio. (Dal 62' Joao Silva 6 - Un cambio conservativo, anche se è a mezz'ora dal termine. Entra quando ormai i rosanero hanno tirato i remi in barca e pensano solo a quel punto prezioso),
 
Belotti 7,5 - Il gallo colpisce con una crestata poderosa dal centro dell'area, su calcio d'angolo, sovrastando un Gargano che a confronto faceva tenerezza. Nella ripresa continua a provarci e risponde presente quando Dybala gli mette nello spazio un pallone da applausi. Ma lui è lì, dove solo gli attaccanti di razza sanno essere, e si regala la doppietta personale. Questo ragazzo farà molta strada. 
 
All. Iachini 7 - La grinta che mette in panchina è la stessa che metteva in campo, quando ringhiava sulle caviglie degli avversari così come oggi sbraita che sembra un forsennato. Il dodicesimo uomo in campo, che in più ha trrasmesso alla sua squadra la capacità di non mollare mai. 
 
 
Arbitro Doveri 5 - Secondo gol del Napoli viziato da palese fuorigioco di Hamsik, rigore solare non dato a Zapata. Partitaccia. 
Napoli (4-2-3-1): Rafael; Henrique, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Inler, Gargano; Callejon, Hamsik (dal 21' s.t. De Guzman), Mertens (dal 39' s.t. Insigne); Zapata (dal 25' s.t. Higuain).(Colombo, Andujar, Britos, Maggio, Mesto, Zuniga, David Lopez, Michu). All. Benitez
 
Palermo (3-4-1-2): Sorrentino; Andelkovic, Terzi, Bamba; Morganella, Barreto (dal 33' s.t. Bolzoni), Rigoni, Daprelà (dal 38' s.t. Emerson); Vazquez; Dybala (dal 17' s.t. Joao Silva), Belotti. (Ujkani, Vitiello, Pisano, Lazaar, Makienok, Ngoyi, Chochev, Quaison, Feddal). All. Iachini
 
Arbitro: Doveri di Roma
 
Marcatori: 2' Koulibaly (N), 11' Zapata (N), 16' Belotti (P), 24' Vazquez (P), 46' pt Callejon (N); 16' st Belotti (P)
 
Note: ammoniti Koulibaly, Bamba, Morganella, Terzi. Espulso il tecnico Iachini al 48’ s.t. per proteste.
 
 



Commenta con Facebook