• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-CESENA

PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-CESENA

Doppio Vidal, Giovinco è ispirato, Pereyra cresce ancora


Arturo Vidal (Getty images)
Omar Parretti

24/09/2014 22:54

PAGELLE E TABELLINO JUVENTUS-CESENA / TORINO - Il mattatore della serata è Vidal nonostante la condizione fisica non sia ancora la migliore, Giovinco ci prova in tutti i modi ma trova un Leali pronto e reattivo, in mediana altra buona prova dell' ex-Udinese Pereyra, delude in parte Evra apparso non in serata, Lichtsteiner cresce alla distanza. Nel Cesena non incidono Defrel e Marilungo davanti, sufficienti gli esterni Perico e Renzetti, il migliore è Leali.

JUVENTUS

Buffon 6 - Fa buona guardia su un tentativo dalla lunga distanza di Marilungo, per il resto è quasi uno spettatore non pagante.

Ogbonna 6,5 - Sempre concentrato ed attento in anticipo; gestisce con il suo strapotere fisico Marilungo che non riesce mai a rendersi pericoloso.

Bonucci 6 - Amministra le poche situazione spinose che capitano dalle proprie parti con autorevolezza ed esperienza. Serata sostanzialmente tranquilla e senza pensieri.

Chiellini 6 - Completa un pacchetto arretrato di sicuro affidamento; tampona bene le sparute offensive dei romagnoli nel proprio settore di campo. 

Lichtsteiner 6,5 - Meno pungente del solito vista l'ottima organizzazione del Cesena sugli esterni, tuttavia non concede praticamente niente in fase di ripiegamento sulla propria corsia. Cresce in maniera importante nei secondi quarantacinque minuti trovando con maggior continuità l'inserimento in area e anche la rete per il 3-0 finale. Dall'87' Pepe s.v.

Pereyra 6,5 - Bei movimenti e belle giocate sul centro-sinistra nella folta mediana juventina; non ha paura di inserirsi in area di rigore e si prende le proprie responsabilità cercando anche la conclusione personale: da una di queste nasce peraltro il calcio di rigore dell'1-0.

Marchisio 6 - Ancora una volta nel cuore del centrocampo per sostituire Pirlo: ordinato, geometrico e pulito nell'impostazione della manovra anche se preferisce quasi sempre allargare il gioco sulle fasce anziché verticalizzare in avanti. Prova di sostanza.

Vidal 7 - Si sblocca in campionato presentandosi con freddezza sul dischetto del rigore per il vantaggio bianconero dopo nemmeno venti minuti di gioco. Mostra i suoi consueti tagli ed inserimenti alle spalle della difesa creando pericoli ai romagnoli. Nella seconda frazione raddoppia il proprio bottino personale con un bel tiro da fuori area. E meno male che non è ancora al top. Dall'80' Padoin s.v.

Evra 5,5 - Unico insufficiente della Juventus stasera: nulla di gravissimo ma è l'unico che non trova mai un picco di gioco nella partita. Nell'ultima mezzora di gara sparisce quasi totalmente.

Llorente 6 - Altra prova più al servizio dei compagni che non alla ricerca della gioia personale: lavora di sponda e prova a premiare i tagli dei compagni di squadra. Nella prima frazione conclude sopra la traversa dopo un bel movimento a difesa del pallone. Dal 70' Morata s.v.

Giovinco 7 - Molto propositivo e grintoso: va spesso a reclamare il pallone fuori dall'area di rigore e si accende a più riprese con delle interessanti iniziative palla al piede. Mette in grave difficoltà la retroguardia cesenate svariando spesso sul fronte d'attacco ed è il più pericoloso per l'estremo difensore Leali. Dai fischi dell'anno scorso agli applausi convinti di stasera.

All. Allegri 6,5 - Juventus estremamente pratica e compatta: non subisce davvero mai nulla nel corso dei novanta minuti e crea con continuità palle gol. C'è la sua impronta sul gioco.

CESENA

Leali 6,5 - Intuisce e tocca il tiro dal dischetto di Vidal ma non riesce ad evitare il gol del cileno che lo batte anche nel secondo tempo dalla lunga distanza. Positivo ben tre volte su tentativi insidiosi di Giovinco.

Capelli 5,5 - Infilato troppo spesso dagli affondi dei centrocampisti della Juventus e in difficoltà se puntato nell'uno contro uno. 

Lucchini 6 - Lavora discretamente su Llorente riuscendo a farlo giocare solo spalle alla porta, ma di fatto non riesce nemmeno mai ad anticiparlo. Non commette errori in area di rigore ed arriva alla sufficienza.

Krajnc 6 - Uno dei migliori del Cesena per tutta la partita in quanto riesce a contenere e chiudere diversi attacchi avversari che passano dalle sue parti. Sul finale di gara viene bucato da Lichsteiner ma la partita è gia chiusa a quel punto.

Perico 6 - Prestazione sufficiente nella quale riesce a contenere in maniera discreta gli affondi di Evra concedendo pochissime volte la profondità al terzino ex-Manchester United. Esce quando Bisoli cerca più spinta in avanti. Dal 57' Carbonero 5,5 - Non impatta positivamente nella partita.

Giorgi 6 - Prova a cucire e rammendare gli spazi che si aprono in mediana e sulla trequarti, ci riesce a corrente alternata ma non smette davvero mai di inseguire gli avversari che si inseriscono con continuità. Dal 77' Nica s.v.

Cascione 5,5 - Troppi errori in impostazione nella zona nevralgica del campo e un lavoro poco convincente da filtro davanti alla difesa. Non sufficiente.

Mazzotta 5 - Senz'altro fuori ruolo da mezzala lui che nasce come esterno puro, non si impone nel match e non si fa notare in avanti con percussioni degne di nota. Non rientra dopo l'intervallo. Dal 45' Coppola 5,5 - Nettamente più a suo agio rispetto a Mazzotta ma non combina molto nemmeno lui.

Renzetti 6 - Più coraggioso in fase di spinta rispetto al collega che presenzia sulla fascia opposta, inoltre duella alla pari per larghi tratti con un cliente scomodo come Lichtsteiner. Bravo nello sbrigare alcune pratiche difensive potenzialmente complicate.

Defrel 5 - Assente e mai ben posizionato sulle iniziative dei suoi, inoltre svolge non adeguatamente il compito di pressing sui portatori di palla bianconeri. Negativo.

Marilungo 5 - Nel primo tempo prova ad impensierire Buffon con una conclusione dalla lunga distanza che il portiere azzuro disinnesca senza troppi problemi.

All. Bisoli 5,5 - Il Cesena regge il campo un tempo poi anche complice un netto calo fisico deve cedere allo strapotere bianconero. Davanti però i romagnoli sono non pervenuti.

Arbitro: Giacomelli 5,5 - Partita piuttosto semplice da amministrare e complessivamente corretta. Al 4' minuto c'è un mani di Cascione in area: giusto non fischiare il penalty in quanto Lichtsteiner sbaglia lo stop con il pallone che schizza da breve distanza addosso a Cascione. Al 17' concede la massima punizione per un tocco di mano sempre di Cascione su tiro di Pereyra: qualche dubbio c'è poiché dalle immagini non si capisce se il braccio sia a protezione del corpo o aumenti il volume dello stesso, probabilmente sarebbe stato meglio lasciar correre.

TABELLINO

JUVENTUS-CESENA 3-0

Juventus (3-5-2): Buffon; Ogbonna, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner (Dall'87' Pepe), Pereyra Marchisio, Vidal (Dall'80' Padoin), Evra; Llorente (Dal 70' Morata), Giovinco. All. Allegri

Cesena (3-5-1-1): Leali; Capelli, Lucchini, Krajnc; Perico (Dal 57' Carbonero), Giorgi (Dal 77' Nica), Cascione, Mazzotta (Dal 45' Coppola), Renzetti; Defrel, Marilungo. All. Bisoli

Arbitro: Piero Giacomelli

Marcatori: 18' Vidal rig. (J), 64' Vidal (J), 85' Lichtsteiner (J)

Ammoniti: 17' Cascione (C), 31' Capelli (C). 52' Perico (C)

Espulsi: - 




Commenta con Facebook