• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Empoli-Milan, Inzaghi: "Con la Juventus ci manca un rigore. Torres e van Ginkel pronti"

Empoli-Milan, Inzaghi: "Con la Juventus ci manca un rigore. Torres e van Ginkel pronti"

Il tecnico rossonero parla alla stampa alla vigilia della quarta giornata di campionato


Filippo Inzaghi (Getty Images)
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

22/09/2014 14:56

EMPOLI MILAN CONFERENZA INZAGHI / MILANO - La sconfitta con la Juventus (la prima in campionato), le parole di Berlusconi, la trasferta di Empoli: non mancano certo le notizie Milan da affrontare nella conferenza stampa che Pippo Inzaghi terrà alla vigilia della trasferta in Toscana. A un giorno dall'anticipo del quarto turno di Serie A, l'allenatore rossonero risponde alle domande dei giornalisti: Calciomercato.it ha seguito per voi le dichiarazioni dell'ex attaccante. 

APPROCCIO EMPOLI - "L'Empoli ha fatto tre ottime partite: ci aspetta una partita difficile. A Udinese per un'ora ha fatto una grande gara, con la Roma non meritava di perdere e sabato hanno avuto per 85 minuti in mano la partita. Sono ben organizzati, corrono molto, giocano in casa: è una partita molto insidiosa, ma noi siamo il Milan, siamo pronti e carichi". 

FRASE BERLUSCONI - "Le frasi del presidente non si commentano. Avrei voluto regalargli una vittoria con la Juve: secondo me abbiamo fatto una grande partita, di sacrificio. I bianconeri sono una grande corazzata e pensare di giocarsela alla pari dopo due partite era chiedere troppo. Non va dimenticato che la Juventus ha tirato 5 volte in porta e noi 3: c'è stato un miglior possesso, ma questo è normale visto che loro sono una squadra rodata e noi siamo in costruzione. Magari se ci avessero dato il rigore che c'era a cinque minuti dalla fine, oggi si facevano altri discorsi. Abbiamo dimostrato di non essere molto lontani da loro e questo è un buon viatico: ora pensiamo all'Empoli". 

CICLO FACILE - "Avere sei punti dopo tre partite è un buon inizio: una squadra in costruzione deve acquisire delle certezze e noi lo stiamo facendo. E' importante fare bene domani: i ragazzi sono carichi e sono sicuro che lo spirito sarà quello visto nelle precedenti gare". 

FORMAZIONE - "Non ho certezze: domani faremo un'altra rifinitura e mi toglierò tutti i dubbi. Comunque ho gente fresca e pronta, poi dobbiamo considerare che domenica abbiamo un'altra partita. Sabato abbiamo fatto uno sforzo importante e comunque qualche elemento fresco credo di schierarlo". 

TORRES E VAN GINKEL - "Torres mi sembra pronto e valuterò il modo migliore per utilizzarlo. Van Ginkel doveva avere il tempo per integrarsi: ora mi sembra anche lui pronto e vedrò se farlo partire dall'inizio o mandarlo in campo nella ripresa". 

ATTACCO - "Opzione in più con Torres? Abbiamo sette attaccanti, perché vanno considerati anche Pazzini e Niang. Se questa squadra avesse più certezze ne potrei schierare quattro, ma ora devo valutare partita in partita la formazione migliore. Ora siamo il miglior attacco del campionato e dobbiamo sfruttare tutte le frecce che abbiamo: Torres e Pazzini ci assicurano una grande presenza in area e devo sfruttarli al meglio". 

QUALITA' DEL GIOCO - "In Italia c'è sempre qualcosa da dire: noi dobbiamo provare a giocare al calcio, i centrocampisti finora hanno fatto bene. Montolivo non si sostituisce facilmente. Van Ginkel mi sembra di grande prestanza fisica, di qualità, alterna gioco corto e gioco lungo: lo abbiamo preso perché pensiamo possa darci una grande mano". 

CONDIZIONE FISICA - "Cambiare molto? Ci vuole la giusta misura: verificherò le condizioni, ma certo qualche giocatore fresco può farci bene. Domani sceglierò l'undici iniziale, senza dimenticare che i cambi sono fondamentali". 

FINALE CHAMPIONS 2016 - "E' un motivo di grande soddisfazione, speriamo sia di buon auspicio per il Milan. Accoglieremo una competizione che ai rossoneri ha dato sempre grandi gioie. Qualificazione in Champions? Ce la metteremo tutta". 

EL SHAARAWY - "Purtroppo è dovuto stare fermo una settimana dopo la nazionale, poi prima della Juventus l'ho visto bene e l'ho fatto giocare. Purtroppo ha avuto i crampi: ritroverà presto la condizione". 

BARICENTRO BASSO - "E' stato merito della Juventus. Abbiamo provato a fare la stessa partita di Parma, con qualche accorgimento in più: abbiamo provato a limitare i danni e poi ripartire. Se Pogba non si inventa quella giocata, forse l'avremmo pareggiata. Pur riconoscendo la superiorità dei bianconeri che al momento non si può discutere. L'obiettivo è sempre avere il baricentro alto, poi se saranno bravi gli avversari troveremo altri metodi per pungere in attacco". 

BERLUSCONI - "L'ho sentito, abbiamo parlato della partita di domani: vogliamo regalargli una vittoria". 

TIFOSI - "Dobbiamo riconquistarli un po' alla volta: gli applausi di sabato dobbiamo portarli sempre nel cuore. I nostri sostenitori hanno visto una squadra che ha perso lottando. Ora dipende da noi: dobbiamo far tornare l'amore della gente per la squadra". 




Commenta con Facebook