• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Football Killed Tancredi > Palermo-Inter: i voti di Tancredi Palmeri

Palermo-Inter: i voti di Tancredi Palmeri

Il nostro inviato ha stilato promossi e bocciati della partita del Renzo Barbera


Mateo Kovacic (Getty Images)
dall'inviato Tancredi Palmeri

21/09/2014 22:50

PALERMO INTER VOTI TANCREDI PALMERI / PALERMO - Palermo-Inter si è appena conclusa e il nostro inviato e protagonista della rubrica 'Te Lo Do Io Il Campionato', Tancredi Palmeri, ha stilato voti e giudizi dei calciatori in campo, esprimendosi anche sugli allenatori e sull'arbitro Valeri.

PALERMO
Sorrentino 7: una sola, vera parata difficile a 17 secondi dalla fine che vale un punto.
Andelkovic 6: non soffre troppo, forse non per merito suo.
Terzi 6: controllo sicuro della zona.
Feddal 6: si coordina bene con i compagni di reparto e non si lascia prendere dall'ansia.
Morganella 5.5: le poche volte in cui viene attaccato va in confusione.
Barreto 6: tiene bene il pressing.
Rigoni 6: meno palleggio, ma è quello che richiede la partita.
Bolzoni 6: anche lui provvede all'usura del centrocampo dell'Inter. Dal 66' Belotti 7: è semplicemente un peccato non vederlo partire dall'inizio: è forte, pronto e già pronto.
Lazaar 6: non soffre complessi d'inferiorità. Dal 74' Daprelà s.v.
Vazquez 7: il gol è simbolico dell'applicazione che ci mette. Dall'83' Quaison s.v.
Dybala 6.5: non sempre costante, ma quando agisce fa male.
Allenatore Iachini 7: arma benissimo la squadra e prova anche a vincere la partita nell'ultima mezzora.

INTER
Handanovic 5: stranamente insicuro.
Ranocchia 6: non sempre inappuntabile, ma cresce col passare dei minuti.
Vidic 4: sarà anche solo un errore, ma che errore!
Juan Jesus 5: a volte gioca partite da sicurezza, a volte da cavallo pazzo. Stavolta è la seconda che hai detto. Dal 65' Hernanes 5: non è che si possa pretendere che dia la luna, ma gioca in maniera assolutamente ordinaria – quasi mediocre.
D'Ambrosio 6: se solo lo cercassero di più potrebbe essere maggiormente utile. Dal 56' Dodò 5.5: impalpabile il suo apporto.
Guarin 5: si riprende appena nel secondo tempo, ma è il vero uomo in meno in entrambe le fasi.
Kovacic 6.5: l'unica luce costante dell'Inter. Dal 79' Palacio s.v.
Medel 6: è costretto a correre anche per Guarin, ma non gli si può chiedere che faccia anche il costruttore.
Nagatomo 5.5: mai valore aggiunto, piuttosto soffice anche in copertura.
Osvaldo 5: gli arrivano poche palle, ma lui dovrebbe stringere di più.
Icardi 6: in fondo il gol lui l'aveva fatto – e pure decisivo.
Allenatore Mazzarri 4: non fa nulla per scuotere il classico atteggiamento irritante dell'Inter quando si siede sugli allori (capirai, una vittoria con il Dnipro...). I soliti limiti di personalità. Poi inserisce anche un terzo attaccante, peccato che tolga l'unico che ha il passo e il passaggio decisivo.

Arbitro Valeri 5: Il voto è all'intera terna. Tre decisioni difficili: ottima sul gol annullato a Vidic; comprensibile in quello annullato al Belotti; totalmente sballata la decisione di annullare quello di Icardi. E alla fine risulta essere l'errore che condiziona il risultato.




Commenta con Facebook