• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > Milan-Juventus, Allegri: "Non è una rivincita. Pogba? Con lui mi arrabbio molto"

Milan-Juventus, Allegri: "Non è una rivincita. Pogba? Con lui mi arrabbio molto"

Il tecnico bianconero: "Buona partita ma c'è ancora strada da fare"


Massimiliano Allegri (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

20/09/2014 23:12

MILAN JUVENTUS ALLEGRI POGBA/ MILANO - Vittoria dal gusto speciale per Massimiliano Allegri che alla guida della Juventus è andato a vincere in casa del Milan, la squadra del suo recente passato. Il successo firmato Tevez, però, non rappresenta una rivincita nei confronti dei rossoneri: "Per me non poteva essere una partita normale dopo tutti i momenti intensi vissuti - ha dichiarato Allegri ai microfoni di 'Sky Sport' - Non è assolutamente una rivincita, io sono l'allenatore della Juventus e devo fare il massimo per la Juventus".

PASSATO - "Con il Milan ci siamo tolti tante soddisfazioni vincendo uno scudetto e una supercoppa italiana e conquistando un terzo posto dopo le cessioni di Ibrahimovic e Thiago Silva. Il Milan è stato un passaggio importante della mia carriera e sono legato a questa società per quello che mi ha dato ma adesso devo pensare alla Juventus".

LA PARTITA - "Credo sia stata una buona partita, il Milan si è difeso ma abbiamo tenuto palla e creato diverse occasioni da gol. Abbiamo rischiato con Honda nel primo tempo ma nel complesso c'è stata una buona gestione della gara anche se bisogna ancora migliorare qualcosa. Di strada da fare ce n'è ancora, a livello di gestione della palla subito il gol i ragazzi sono stati bravi rischiando poco e niente".

OBIETTIVI - "Mi ritengo molto fortunato, allenare la Juventus non è da tutti. Bisogna guardare avanti, ho già parlato tanto degli anni addietro, ora devo cercare di vincere con la Juventus che non sarà assolutamente facile".

TEVEZ E PEREYRA - "Nel primo tempo avevo chiesto a Tevez, marcato a uomo da de Jong, di defilarsi per permettere a Pereyra di inserirsi negli spazi creati. Tornando a giocare ai lati di de Jong abbiamo avuto più soluzioni dal punto di vista offensivo".

POGBA - "Io con lui mi arrabbio molto perché ha tante potenzialità ancora inespresse. E' un giocatore con uno strapotere fisico e tecnico che fa fare il salto di qualità a questa squadra".

Entra a far parte della nostra cerchia, clicca G+




Commenta con Facebook