• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-TORINO

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-TORINO

Granata traditi da Larrondo e Padelli. Tra i padroni di casa bene Okaka, Gabbiadini e Soriano


Okaka e compagni (Getty Images)
Stefano Carnevali

14/09/2014 14:17

PAGELLE TABELLINO SAMPDORIA-TORINO / GENOVA - La Sampdoria vince con merito una partita poco spettacolare, in cui il Torino mette in mostra tutti i propri limiti nella costruzione del gioco. Tra i padroni di casa buone prove per Okaka, Gabbiadini e Soriano. Solida la difesa. Rivedibili il confuso Obiang e l'emarginato Eder. Il Torino è una delusione. Molto male Larrondo, sbaglia troppo anche Padelli. Gravi difficoltà nell'impostare la manovra: Vives e Nocerino non ingranano. La difesa crolla nel finale. Buono l'impatto di Amauri.

 

 

SAMPDORIA

Viviano SV – Sostanzialmente inoperoso per tutto il primo tempo. Prosegue come spettatore non pagante anche nella ripresa.

De Silvestri 6,5 – Bene. Costringe Molinaro a rimanere molto basso, pressandolo senza tregua e giocano altissimo. A suo discredito, però, l'elevato numero di cross sbagliati.

Gastaldello 6,5 – Si prende cura di Larrondo e lo controlla più che bene. Qualche grattacapo in più quando entra Amauri, ma nessun vero affanno. Dall'83' Romagnoli SV -.

Silvestre 6 – Assieme a Palombo, si preoccupa principalmente di Quagliarella. Senza strafare, tiene botta molto bene.

Cacciatore 6 – Riproposto sulla sinistra se la vede con Maksimovic. Potrebbe osare un po' di più, vista la poca spinta del 'lungo' esterno granata.

Soriano 6,5 – Un buon avvio. Si infila tra Molinaro e Moretti e semina spesso il panico. Con il passare dei minuti si eclissa un po'. Suo, però, il guizzo che porta alla punizione-gol di Gabbiadini. Stesso copione anche nel secondo tempo: si vede solo a sprazzi, ma i suoi inserimenti fanno sempre male: al 20' della ripresa conquista la punizione che Gabbiadini calca sulla traversa.

Palombo 6 – Presidia la mediana. Maggiormente efficace quando si tratta di distruggere, rispetto alla fase di impostazione, quando sbaglia un po' troppo.

Obiang 5,5 – Un po' arruffone. Tanti errori di misura, tanta corsa a vuoto. Un po' meglio nel secondo tempo. Dal 75' Krsticic 6 – Fa il suo cercando di inserirsi quando intuisce che sia l'occasione giusta.

Gabbiadini 6,5 – Gioca pochi palloni, restando sempre molto largo. Con la complicità di Padelli, sblocca la gara sonnacchiosa su punizione. Rischia di ripetersi al 65', ma coglie la traversa.

Okaka 7 – Con Bergessio ancora imballato, è lui a reggere il centro dell'attacco doriano. Soffre la marcatura di Glik. Nel primo tempo qualche sponda, ma nessuna occasione creata. Chiude la partita con un un gol che denota la sua grandissima potenza. Dall'82' Bergessio SV -.

Eder 5,5 - Si innesca molto di rado, nonostante abbia buon gioco ad infilarsi tra Maksimovic e Bovo.

All: Mihajlovic 6,5 – Pressing alto e costante per la 'Doria', ma manovra a lungo sterile. La partita, però, è praticamente sempre tenuta sotto controllo. Vittoria meritata.

 

TORINO

Padelli 5 – Dopo più di mezz'ora da spettatore, si fa battere – e non senza responsabilità – dalla punizione di Gabbiadini. In ritardo anche sulla seconda punizione di Gabbiadni, è salvato dalla traversa. Poco reattivo anche sul diagonale di Okaka.

Bovo 5,5 – Fa fatica contro Eder. Anche per la scarsa mobilità di Maksimovic. Al 13' rischia non poco, facendosi rubare palla dall'attaccante brasiliano al limite dell'area: rimedia prendendosi il giallo.

Glik 5,5 – Duella con Okaka: scontro di grande impatto che il difensore polacco gestisce sempre con sicurezza. Abdica anche lui nell'azione del raddoppio della Samp.

Moretti 5,5 – Ordinato e preciso come ha abituato. Presidia la propria zona con autorevolezza: dalla sua parte Gabbiadini non passa mai. Non riesce ad arginare Okaka in occasione del raddoppio della Samp.

Maksimovic 5 – Prefertio a Darmian sulla corsia destra, tradisce la propria impostazione maggiormente compassata e difensiva: molto bloccato, non riesce a supportare l'azione come dovrebbe. In difficoltà in ogni fondamentale 'di costruzione'.

Nocerino 5,5 – Parla e grida tantissimo, cercando di scuotere i compagni. Molto meno presente, però, con i piedi.

Vives 5 - Torna dalla squalifica e si riprende il posto in mezzo al campo, nonostante la buona prova di Gazzi contro l'Inter. L'elevato pressing della Samp, però, lo mette spesso in difficoltà. No illumina proprio, anzi: con il passare dei minuti comincia a perdere palloni molto pericolosi.

El Kaddouri 5,5 – Parte come interno sinistro, ma ha licenza di svariare e inventare. Con gli esterni così timidi, è costretto a prendersi mole responsabilità, ma non riesce a fare la differenza.

Molinaro 5,5 – Inizio molto difficoltoso: De Silvestri lo aggredisce alto e lui pasticci un po' troppo. Migliora un pochino nel cuore del primo tempo. Dal 58' Darmian 5,5 – Non sta bene. Si presenta con un sanguinoso pallone perso sulla mediana. Dovrebbe spingere, fatica a limitare De Silvestri.

Quagliarella 5,5 – Combattivo, ma sterile. Silvestre e Palombo lo tallonano sempre e lui fatica a liberarsi. Poca l'intesa con Larrondo, le cose vanno un po' meglio con Amauri che, se non altro, gli porta via qualche uomo e completa qualche sponda utile. Dal 76' Martinez SV – Cerca di sfruttare i movimenti di Amauri, ma è tardi.

Larrondo 5 – Punto di riferimento molto statico. Fatica a mettere in mostra le sue qualità tecniche: Gastaldello non lo lascia respirare: lui lo patisce soprattutto fisicamente. Fatica a dialogare con Quagliarella. Dal 61' Amauri 6 – Più presente rispetto al compagno. I difensori lo rispettano maggiormente e lui riesce a completare qualche sponda utile. Non è compia miracoli, ma questo rende ancora più evidente la prestazione negativa di Larrondo.

All: Ventura 4,5 – Il pressing molto alto della Samp mette il Toro in grande difficoltà. Non aiutano nemmeno i due esterni scelti da Ventura, che non riescono quasi mai ad accompagnare l'azione o a saltare l'uomo. Quando i granata cercano di alzare la testa, la Samp passa in vantaggio. Il gioco del Torino è monocorde e non ispirato (dozzine di passaggi in orizzontale) e, rispetto allo scorso anno, mancano i 'risolutori' del contropiede. L'attendismo di Ventura è a tratti sconfortante.

 

Arbitro: Mazzoleni 6,5 – Al 12' lascia correre un contatto Glik-Okaka al limite dell'area del Torino: corretto, perché l'attaccante della Samp si lascia cadere. Vede bene anche al 72', quando lascia correre un contatto in area doriana. Pomeriggio positivo.

 

SAMPDORIA-TORINO 2-0

SAMPDORIA (4-3-3): Viviano; De Silvestri, Gastaldello (83' Romagnoli), Silvestre, Cacciatore; Soriano, Palombo, Obiang (75' Krsiticic); Gabbiadini, Okaka (82' Begessio), Eder. All: Mihajlovic

TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Glik, Moretti; Maksimovic, Nocerino, Vives, El Kaddouri, Molinaro (58' Darmian); Quagliarella (76' Martinez), Larrondo (61' Amauri). All: Ventura

Arbtiro: Mazzoleni

Marcatori34' Gabbiadini, 79' Okaka

Ammoniti: 13' Bovo, 33' Glik, 64' Vives, 72' El Kaddouri (T); 24' Obiang, 53' De Silvestri, 85' Soriano (S)

Espulsi

Note:

 

 




Commenta con Facebook