• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli-Chievo, Benitez: "Dobbiamo fare tutti il salto di qualità"

Napoli-Chievo, Benitez: "Dobbiamo fare tutti il salto di qualità"

Il tecnico spagnolo ha parlato in vista della gara contro i gialloblu


Rafa Benitez (Getty Images)

13/09/2014 12:16

NAPOLI-CHIEVO BENITEZ CONFERENZA STAMPA / NAPOLI - L'allenatore del Napoli Rafa Benitez è intervenuto in conferenza stampa in vista della gara di domani contro il Chievo. Ecco le sue dichiarazioni.

SCUDETTO - "Dobbiamo fare tutti il salto di qualità.  Giornalisti, tifosi e anche noi. Non abbiamo paura di dire la parola scudetto se siamo tutti insieme, uniti verso l'obiettivo. Senza tifosi perdiamo molto del nostro potenziale. Noi dobbiamo credere di poter andare avanti e di poter competere anche con squadre più attrezzate".

GENOA - "Abbiamo sofferto perché non siamo ancora in condizione ottimale. Abbiamo una squadra forte, che sta crescendo al proprio ritmo".

AMBIENTE - "Se vogliamo crescere dobbiamo farlo tutti insieme. Anche voi siete intelligenti, dobbiamo fare uno sforzo per lavorare tutti dalla stessa parte. Un giornalista che vive questo ambiente credo debba aspettare un attimo e pensare prima di creare 'casino'. Se siamo uniti possiamo pensare allo scudetto, altrimenti no. Napoli diventerà più forte se siamo tutti uniti. Creare casi, notizie false: 'Benitez è incazz... per questo motivo' e poi andargli dietro e scatenare clamore per cose non vere non fa bene a nessuno".

LE GARE CON LE 'PICCOLE' - "Anche l'anno scorso abbiamo avuto difficoltà. Sul mercato siamo intervenuti pensando anche a questo. Giocatori come Michu e De Guzman sono importanti per aiutarci a sbloccare le partite".

RIFORMA FEDERALE - "Sono favorevole. Vorrei 10 napoletani, 10 italiani e meno stranieri. In Spagna ci sono più giocatori spagnoli perché i giocatori sono più forti, il livello è più alto. Gli italiani forti sono difficili da prendere perché sono tutti sotto contratto con squadre forti con comproprietà o altro".




Commenta con Facebook